Segretaria tutto fare

Miss Grant Takes Richmond. Innocence Is Bliss

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Miss Grant Takes Richmond. Innocence Is Bliss
Regia: Lloyd Bacon
Paese: Stati Uniti
Anno: 1949
Supporto: DVD
Salvato in 5 liste dei desideri
Una bella dattilografa trova lavoro nell'ufficio del giovane uomo d'affari Richmond, che in realtà è un disonesto allibratore. Quando la donna se ne renderà conto lo salverà da una situazione intricata convertendolo al matrimonio e a una vita onesta.
3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Dora

    06/03/2019 15:26:12

    Un film carino con una Lucille Ball scatenata e divertente.

  • Produzione: Golem Video, 2015
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 87 min
  • Lingua audio: Inglese; Italiano
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Lucille Ball Cover

    Attrice statunitense. Percorre le classiche tappe delle aspiranti attrici ingegnandosi in mille mestieri mentre studia recitazione. Dal 1933 inanella, in parti di supporto, una serie di film di cassetta segnalandosi soprattutto per il talento comico, ai limiti del clownesco. Il successo arriva dal piccolo schermo quando, negli anni '60, diviene la mattatrice della storica sit-com The Lucy Show che la rende famosa e ricca imprenditrice, al punto da permetterle di rilevare i gloriosi studi rko per riconvertirli alla tv. Sul grande schermo va ricordata in Ziegfeld Follies (1946) di V. Minnelli e in Segretaria tuttofare (1949) di L. Bacon, in cui dispiega tutta la sua istrionica e brillante verve. Approfondisci
  • William Holden Cover

    Nome d'arte di W. Franklin Beedle jr., attore statunitense. Notato in una produzione teatrale al college, nel 1937 viene messo sotto contratto sia dalla Paramount che dalla Columbia. Dopo qualche ruolo minore, veste i panni del violinista/boxeur in Passione - Il ragazzo d'oro (1939) di R. Mamoulian, impressionando per il suo talento e prendendo in prestito dal titolo originale del film, Golden Boy, il suo soprannome. Tornato dalla guerra con il grado di tenente, interpreta qualche commedia, come Nata ieri (1950) di G. Cukor, fino all'incontro, fondamentale per la sua carriera, con il regista B. Wilder che lo dirige in personaggi indimenticabili: lo sceneggiatore fallito mantenuto dalla diva G. Swanson in Viale del tramonto (1950), l'enigmatico prigioniero del campo di concentramento in Stalag... Approfondisci
Note legali