Categorie

Eduardo Sacheri

Traduttore: R. Schenardi, I. Aguilar
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788817086196
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luigi

    18/02/2013 10.09.03

    Dal libro è stata tratta la sceneggiatura di un film che ha vinto il premio Oscar come miglior film straniero e per commentare la sua piacevole lettura, non ho potuto fare a meno di prendere in prestito il commento di un ben più autorevole recensore : il libro ha la semplicità di un grande capolavoro. Il romanzo è ambientato negli anni della feroce dittatura militare in Argentina e sullo sfondo di una vicenda inquietante appare in maniera sfumata tutta la violenza che caratterizzava quegli anni bui della vita sociale argentina. Si tratta di un noir scritto in maniera estremamente delicata che pone l'attenzione, non tanto sui fatti macabri che accadono, quanto sui sentimenti dei protagonisti che sanno essere "eccessivi" in pieno stile sudamericano. Gli aspetti che mi hanno maggiormente colpito sono, infatti, due, ed il primo riguarda i sentimenti dei due principali protagonisti che hanno la capacità di amare con la stessa intensità, in maniera a loro modo eccessiva, una donna per tutta la vita. Nei tempi in cui il matrimonio dura spesso anche meno di un anno mi è sembrato di una profondità tale da indurre anche una sorta di malinconia. Il secondo aspetto che mi ha incuriosito è l'organizzazione delle cancellerie giudiziarie argentine, in cui i cancellieri delle sezioni penali potevano svolgere un ruolo attivo nelle indagini e finanche prendere delle iniziative proprie. A tali "cancellieri" non era peraltro preclusa la carriera magistratuale, laddove avessero completato i propri studi di legge. Mi è subito balzato alla mente il paragone con le nostre cancellerie?.intelligenti pauca. Consiglio vivamente la piacevole lettura di questo romanzo?..

  • User Icon

    EnricoP

    09/03/2012 19.08.32

    Libro davvero ben scritto ed appassionante in quanto riesce a tenere il lettore col fiato sospeso sino alla fine. I personaggi sono delineati con molta cura ed anche le ambientazioni sono ben rese dalla penna dell'autore. Merita soprattutto per la trama più che per lo stile che in alcuni casi tende un po' ad inerpicarsi. Consiglio di leggere prima il libro e poi di vedere il film altrimenti non si ha per nulla lo stesso coinvolgimento e la lettura risulterebbe pesante.

  • User Icon

    Mtg

    14/11/2011 19.27.16

    Bellissimo! Ho letto il libro dopo aver visto il film, in cui il racconto è stato ovviamente reso più semplice. Solo nel libro si trovano però tutti i pensieri ed i dubbi del protagonista. E' come seguire una partita a scacchi. Ho divorato il libro ed arrivata alla fine avrei ricominciato da capo perché mi è piaciuto molto anche lo stile di scrittura.

  • User Icon

    Francesco

    27/03/2011 13.56.00

    Caso strano, mi trovo d'accordo con tutte le opinioni precedenti, sia che esaltino il libro, sia che lo stronchino, sia che lo promuovano con la sufficienza. In effetti sul romanzo di Sacheri pesa enormemente il confronto con il film (bellissimo) che ne è stato tratto: film che, tra i tanti meriti, ha anche quello di aver asciugato e ricalibrato una materia narrativa di partenza fin troppo ridondante, a tratti dispersiva, oscillante tra momenti molto intensi e avvincenti (sopra tutti il finale, non inferiore a quello cinematografico) e altri decisamente superflui o "buttati via". Magari non originalissima ma comunque efficace l'idea di alternare i capitoli ambientati nel presente, narrati in terza persona e titolati a parole con quelli, numerati, del romanzo scritto in prima persona dal protagonista e ambientati in un passato che da remoto si fa via via più vicino. Condivido inoltre le perplessità sul linguaggio abbastanza convenzionale, a volte perfino sciatto e mediocre, con cui il testo è scritto. Altro punto debole: l'amore platonico e inconfessato del protagonista per Irene meritava un maggiore approfondimento e, fossi stato l'autore, avrei insistito maggiormente sulla simmetria tra questo legame e quello di Morales per la moglie morta, così come più in generale avrei dato un rilevo maggiore alle psicologie dei personaggi principali e alle relazioni tra di loro, tralasciando invece la folla di sbiadite "comparse", specie quelle dell'ambiente giudiziario. Ma mi rendo conto che sto rimproverando all'opera letteraria di non essere come quella cinematografica, ovvero la mancanza di ciò che si trova nel film e la presenza di quello che il film ha modificato, omesso o ridotto. Allora proviamo a vederla così: si tratta di un libro non eccelso ma con ottime potenzialità narrative ed emotive che, per essere pienamente sviluppate, hanno avuto bisogno di una trasposizione filmica straordinaria, che si lascia apprezzare sia per le fedeltà che per le infedeltà al romanzo.

  • User Icon

    andreana

    06/12/2010 13.35.43

    film eccellente, libro estremamente deludente, poco lineare e figure sbiadite.

  • User Icon

    Pino Chisari

    10/10/2010 11.29.42

    Un buon libro, soprattutto nella trama. Meno nello stile narrativo (abbastanza convenzionale) e nei personaggi: troppo sovrastati dal protagonista, specie quelli femminili, per quanto siano il perno delle emozioni. Interessante il doppio livello narrativo: il romanzo di come nasce un romanzo.

  • User Icon

    tiziana nebbiai

    07/10/2010 12.13.01

    Libro bellissimo,con trama bene strutturata e storia commovente,l'ho letto tutto in pochi giorni,ho amato il film e quandi anche il libro. Tiziana

  • User Icon

    Alce67

    13/09/2010 12.22.31

    Amo gli scrittori che scrivono bene storie forti; qui c'è la storia forte, ma la prosa è quella un pò classica di genere. Sì, è un giallo, immerso nella Buenos Aires della dittatura e dei sopprusi. La storia è complessa, originale, effettivamente un buon materiale per un film (che c'è stato). Ma i personaggi, le emozioni, le situazioni sono descritte con efficacia da sufficienza risicata. L'ho letto con piacere, ma non mi lascerà molto.

  • User Icon

    Jose

    16/07/2010 14.31.39

    Gran bel libro e ottimo film argentino. Da questo libro il film che ha vinto Oscar per miglior film straniero.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione