Categorie

Edward Carr

Curatore: R. W. Davies
Traduttore: C. Ginzburg, P. Arlorio
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
Pagine:
  • EAN: 9788806154813

Una raccolta di brillanti "lezioni" tenute nel 1961 all'Università di Cambridge in cui Carr ci espone le sue idee sul significato della storia che costituiscono un invito alla discussione su temi vitali per la società di oggi.
Il nome di Edward H. Carr è diventato familiare ai lettori con la pubblicazione della sua monumentale storia della Russia sovietica. Con queste sue brillanti «lezioni», tenute nel 1961 all'Università di Cambridge, Carr ci espone le sue idee sul significato della storia. «II passato - egli scrive - è comprensibile per noi soltanto alla luce del presente, e possiamo comprendere il presente unicamente alla luce del passato. Far sí che l'uomo possa comprendere la società del passato e accrescere il proprio dominio sulla società presente: questa è la duplice funzione della storia». Queste pagine, rigorose nel metodo e al tempo stesso invitanti alla lettura per il piglio saggistico con cui sono scritte, vogliono costituire un invito alla discussione su temi vitali per la società d'oggi.

Dalle carte di E. H. Carr: appunti di R. W. Davies. - Prefazione alla seconda edizione. - I. Lo storico e i fatti storici. Il. La società e l'individuo. III. Storia, scienza e giudizi morali. IV. La causalità storica. V. La storia come progresso. VI. Verso piú ampi orizzonti. - Indice dei nomi.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gianni

    01/09/2014 19.56.28

    La vis polemica di Carr è godibile, le sue argomentazioni però rimangono sul filo di una dialettica del probabile, e il tentativo di dimostrare che la storiografia è una scienza suona un po' troppo ingenuo o generico. Queste lezioni risentono dell'atmosfera di nuove speranze dell'epoca in cui furono tenute, e il sotterraneo empito ottimista verso il progresso appare molto inglese, molto ottocentesco. Eppure, sono piene di brio, di intelligenza, e anche di felici intuizioni.

  • User Icon

    Herzog

    31/10/2007 16.27.46

    Gioiello senza tempo. Quando era giovane rimase colpito nell'apprendere che la balena non è un pesce. Non ci sono più storici come lui, scrittori come lui. Artista senza tempo.Fatevelo amico. Eviterete abbagli d'ogni sorta.

Scrivi una recensione