Serenate e trii - CD Audio di Alfredo Casella,Ildebrando Pizzetti

Serenate e trii

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Import
Data di pubblicazione: 13 ottobre 2016
  • EAN: 8011570333124

€ 15,75

€ 17,50
(-10%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alfredo Casella Cover

    Compositore e pianista. Avviato allo studio del pianoforte dalla madre, visse fino all'età di 13 anni nella città natale, frequentando un ambiente musicale che stava riscoprendo i classici e avvertiva (soprattutto con G. Martucci) l'esigenza di una rinascita della musica strumentale italiana. Trasferitosi nel 1896 a Parigi, continuò lo studio del pianoforte e della composizione in quel conservatorio. Fu allievo di G. Fauré, che insieme a Debussy, Mahler e Strauss, esercitò un sensibile influsso sulle sue prime opere. A Parigi C. venne inoltre a contatto con personalità come quelle di Ravel e di Stravinskij e con la musica di Schönberg, ricevendone impulsi e suggestioni vari e complessi: da una parte l'invito al «dubbio tonale», che determinò la sua produzione fra il 1914 e il 1918, volgendola... Approfondisci
  • Ildebrando Pizzetti Cover

    Compositore. Allievo di G. Tebaldini al conservatorio di Parma, maestro sostituto nel 1901-02 al teatro della città, debuttò nel 1908 con le musiche di scena per La nave di D'Annunzio, legandosi d'amicizia col poeta che, successivamente, adattò per lui il testo della sua tragedia Fedra (1915). Insegnante al conservatorio di Firenze dal 1908, lo diresse dal 1917 al 1924; in questo periodo frequentò l'ambiente de «La Voce». Fu poi direttore del conservatorio di Milano e nel 1936-58 insegnante di composizione ai corsi di perfezionamento di Santa Cecilia a Roma, svolgendo nel contempo attività di critico musicale. P. appartiene al gruppo dei musicisti nati attorno all'80 che all'inizio del secolo furono giudicati unanimemente intenti a superare la condizione d'isolamento in cui il melodramma ottocentesco... Approfondisci
Note legali