Serenità. Una passione che libera

Massimo Donà

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Edizione: 3
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 settembre 2005
Pagine: 233 p., Brossura
  • EAN: 9788845241352
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,32

€ 4,32

€ 8,00

4 punti Premium

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    09/12/2017 10:58:23

    Temo un impossibile, ma si possono dare istanti di possibile magnifico. Proprio lì sta il gioco fra la vita e la sopportazione, il desiderio e la consapevolezza, il finito e l'inevitabile. Nessuno può sottrarsi a leggi troppo superiori, nessuno svicola o aggira le metafisiche del destino, del dolore, della fortuna. Ma l'esistenza può lo stesso scandire parole nella misura di un sogno, qualcosa come una speranza che non demorde, non abdica. Quando si dice "un po' di serenità", la posta, sebbene piccola, vale ugualmente tutto. Purché si metta in conto che "quel po'" è comunque un dono degli dei. Lo sforzo di questa ricerca è proprio quello di uscire dai consueti canoni che avvolgono questa parola: le maglie del religioso, i grandi voli dell'utopico, la terzietà del laico. Scrive Donà: "La razionalità dovrebbe conoscer bene, ormai, la radicale impotenza in cui versa la sua peraltro poderosa armatura logica, utile solo a realizzare nel modo forse più 'economico' fini e scopi in se stessi totalmente indimostrabili nonché sostanzialmente ingiudicabili, almeno secondo gli strumenti da essa affinati nel corso di secoli di storia". Ma la domanda che si affaccia è anche un'altra: la serenità è un sentimento? Cosa si chiede bramandola? Donà risponde: Spazio. Inteso cioè come sguardo aperto ai mille doni meravigliosi di cui è colma la vita, spazio come "esclusione" da realtà castranti, e anzi, inclusione, respiro e appropriazione dell'ineludibile concreto. Sentire le stille di "quel po'" finalmente senza mancanze, e di conseguenza senza mancarsi. Donà chiama tutto questo "il massimamente presente". La filosofia entra co suoi scalpiti (i grandi nomi ci sono tutti: Agostino, Platone, Spinoza, Leopardi), ma è come deponendo tutti questi richiami che può arrivare un tozzo di risposta; l'insensato rovesciato in un attimo di senso, la fatica vinta in un frammento. La vita di ognuno oltre le istanze di un enorme e persuasivo dettato astratto. Una coda di cometa intravista, e nostra.

Scrivi una recensione