Categorie

Daniel Glattauer

Traduttore: L. Basiglini
Editore: Feltrinelli
Collana: I canguri
Anno edizione: 2010
Pagine: 191 p. , Brossura
  • EAN: 9788807702259
Storia d'amore dei nostri giorni quella di Leo Leike ed Emmi Rothner, per nulla banale ma molto comune di questi tempi, grazie a chat, Facebook e tanti social network, stanze virtuali che rapidamente uniscono e altrettanto velocemente separano. Botte e risposte tramite un fitto scambio di e-mail creano l'avvicendamento di un rapporto quasi impossibile: Emmi è infelicemente sposata con il pianista Bernhard e Leo si butta a capofitto in una relazione che ha sempre sognato con Pamela. La posta elettronica è rifugio privilegiato in cui germoglia e cresce un rapporto che si sviluppa grazie alla distanza virtuale ma che tentenna nel momento in cui si fa strada la sua realizzazione. Glattauer riesce a penetrare le dinamiche di relazione fra un uomo e una donna e a restituircele nella più contemporanea delle declinazioni, quella del corteggiamento via e-mail in un crescendo che racconta la metafora del titolo: "Perché ti scrivo? Perché ne ho voglia. E perché non voglio attendere in silenzio la settima onda. Sì, qui si narra la storia della settima onda, l'inflessibile. Le prime sei sono prevedibili e armoniose (…) Occhio però alla settima onda! È imprevedibile. Passa a lungo inosservata, partecipa all'assalto monotono, si adegua a quante l'hanno preceduta. Talvolta, però, fugge via. Sempre e solo lei, sempre e solo la settima onda. Perché è spensierata, ingenua, ribelle, spazza via tutto, gli dà un'altra forma. Migliore o peggiore? Possono dirlo solo quanti, afferrati da lei, hanno avuto il coraggio di raccoglierne la sfida, di lasciarsi incantare dalla sua malia". L'epilogo del romanzo prelude alla possibilità di vivere finalmente nella realtà quell'amore. La settima onda potrebbe essere una duplice metafora: nuove frontiere comunicative, sfida di modelli ormai affermatisi socialmente, purché rimanga premessa di evoluzione e non temporaneo parcheggio di sfoghi solipsistici e avulsi dalla realtà. Espressione della forza dei sentimenti che arriva forte come un'onda improvvisa che trascina via e porta lontano. Germana Zori

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Brunella

    24/06/2014 10.50.29

    Seconda parte della storia raccontata con "le ho mai parlato del vento del nord". Il libro è molto carino, personalmente ho trovato un po' antipatica lei, ma nel complesso molto scorrevole.

  • User Icon

    silvia

    05/03/2014 17.42.48

    L'ho letto solo perché dovevo sapere come sarebbero andate le cose tra Emmi e Leo, con la convinzione che mi avrebbe deluso rispetto al primo. Infatti, le prime 10-12 pagine mi sembravano noiose e ripetitive. E invece, poi, magicamente, son stata catturata di nuovo e l' ho divorato! Una piacevole, divertente e ben scritta boccata d'aria fresca!

  • User Icon

    Daniela rosi

    28/08/2013 14.10.16

    Appassionante, anche se nei veri rapporti di chat non si arriva ad essere cosi a lungo e cosi intensamente assidui. Per chi non ne sa di chat o rapporti via mail e' utile per capire quanta densita' puo' produrre, e sconvolgimento. Se la vostra condizione familiare somiglia a quella di Emmi, occhio, perche' la Pam di turno puo' invece funzionare e dopo non si cive pou', si sopravvive. Mettetelo in conto

  • User Icon

    misselisabethbennet

    28/04/2013 17.30.49

    .... fa sognare .... storia leggera ? letteratura leggera ?no... ... storia interessante, impostazione interessante, storia d'amore interessante con trama e sviluppo mai banale e scontata... onestamente... fa sognare.......

  • User Icon

    Maria Teresa

    16/11/2012 16.46.23

    Bello, da leggere tutto d'un fiato...

  • User Icon

    Paola

    03/08/2012 17.54.57

    Godibile,da leggersi tutto d'un fiato. Ovviamente non si tratta di un capolavoro ma di un libro leggero,da svago.

  • User Icon

    brunybru

    26/03/2012 23.02.53

    Temevo di rimanere un po' delusa come spesso capita con i sequel... invece mi è piaciuto tantissimo! Forse meno intenso del precedente, ma sempre romantico ed ironico ed Emmi e Leo ancora più simpatici! Buona lettura e che la settima onda travolga anche voi ;)

  • User Icon

    Valeria

    19/03/2012 00.46.00

    Belo, anzi.... bellissimo! Decisamente un degno seguito del primo libro!

  • User Icon

    Ragnetto

    29/12/2011 16.01.29

    ...il desiderio di leggere ancora qualcosa su Leo e Emmi era troppo forte, ma la seconda volta non è mai come la prima....Un punto di meno, anche se arrivare in fondo a questa lunga storia è stato emozionante.

  • User Icon

    robi

    27/09/2011 22.14.46

    Davvero bello ed emozionante, romantico e sensibile. Una storia tutta da sognare, da leggere e rileggere. Bello bello bello! L'ho detto bello? Bello!

  • User Icon

    silvia

    27/09/2011 21.43.41

    Dopo il primo ero un pò scettica, ma curiosa di sapere l'evolversi della storia tra Leo ed Emmi...una vera sorpresa, letto in una sera, e, come il precedente,capace di trasmettere emozioni. Bravo l'autore che ha saputo mantenere vivo l'interesse anche in questa seconda parte della storia.

  • User Icon

    alessia

    27/07/2011 16.40.57

    Passata la novità del primo....diventa banale e patetico....!!!!

  • User Icon

    Megant

    12/07/2011 11.15.52

    Questa seconda parte di un libro che già mi era piaciuto tiene alto, anzi altissimo, il potenziale emotivo scatenato nel primo libro. E non ne è da meno! Un vortice di emozioni e di fatti, stavolta, un po' più concreti. Finalmente i due protagonisti sembrano avere le stesse intenzioni anzichè desiderare a fasi alterne la cosa opposta (ci vediamo/non ci vediamo, smettiamo/non smettiamo). Il libro è così, così, così...AVVINCENTE!! Fa diventare Leo-Emmi dipendenti, ed ora che l'ho finito mi mancheranno! Cosa si staranno scrivendo? Mi ha fatto venire una voglia matta di avere un'amica di penna (dello stesso mio sesso onde evitare disastri sentimentali visto che sono sposata da neanche due mesi meglio amicA che amicO, soprattutto dopo questo libro!)

  • User Icon

    Laura

    30/03/2011 12.49.40

    Di solito la continuazione non è mai all'altezza dell'originale, perché sconta la mancanza dell'effetto sorpresa, che qui poi è ancora più forte, visto che gran parte dell'originalità di "Le ho mai parlato del vento del nord" era data dalla scelta dello scambio epistolare tramite mail tra i due protagonisti. Eppure... il libro regge e riesce a creare una svolta davvero inaspettata.

  • User Icon

    paola augusta estella

    22/03/2011 20.46.47

    eppure..un secondo dopo il primo libro!Tutto giocato sulle e-mail di corrispondenza tra un uomo e una donna.Una storia in chat.Mentre il primo era quasi una sfida,questo "romanzo"ha dell'inverosimile.E' un uomo che scrive,e,quindi,il finale e il comportamento di Emmi è "inventato"da un uomo!Troppo algida Emmi per essere vera..Un unico vantaggio:si legge in 3 ore al massimo!

  • User Icon

    Marzia

    23/02/2011 22.01.02

    La relazione epistolare tra Emmi e Leo viene tirata troppo per le lunghe e, specialmente nella parte centrale, il libro diventa noioso e inconcludente. Il continuo "tira e molla" tra i due amanti vituali ("non vediamoci più", "dai, incontriamoci", "basta, fine", "rieccomi") appare infantile e poco verosimile. Da salvare solo il finale.

  • User Icon

    vittorio pisa

    17/01/2011 17.39.26

    La freschezza linguistica e la sorpresa narrativa sono quasi del tutto assenti in questo seguito che delude le aspettative. Qui tutto sembra artefatto ed i dialoghi, e le sottese logiche argomentative, troppo tesi ad una perfezione del tutto inverosimile che appare stucchevole. Sarebbe stato preferibile provare a cambiare registro. Vale la regola generale del "sequel", quasi mai si rivela all'altezza del primo capitolo.

  • User Icon

    claudia

    05/01/2011 11.00.46

    Aiuto! Che pena! Un'occasione davvero mancata per l'autore. Avrebbe forse fatto meglio ad uscire dallo schema epistolare. Forse, almeno, qualcosa si sarebbe salvato... E' tutto un inutile "ti prendo...ti mollo...ci vediamo...no, non ci vediamo...anzi sì, ci vediamo...anzi no...la ami...no, non la ami...te lo dico io se la ami..." ma lo saprà lui se la ama o no! Sembrano i dialoghi di "Dawson's creek"! Da perdere. Tranquillamente.

  • User Icon

    elena

    03/01/2011 12.07.22

    spero solo che l'autore pubblichi anche il terzo libro! semplicemente bello...

  • User Icon

    koki

    18/12/2010 22.24.05

    bello bello bellissimo! Letto in una notte, ho pianto come non mi succedeva da tempo per un libro... Quante emozioni...

Vedi tutte le 27 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione