La sfida della tigre. Le avventure di Richard Sharpe. Vol. 2

Bernard Cornwell

Traduttore: D. Cerutti Pini
Editore: TEA
Collana: Best TEA
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 marzo 2015
Pagine: 450 p., Brossura
  • EAN: 9788850238897
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 3,72

€ 5,86

€ 6,90

Risparmi € 1,04 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    20/07/2018 15:47:14

    Uno dei migliori libri dell’autore. Sotto ogni punto di vista. Fin dalla prima pagina la penna del leggendario Cornwell ci catapulta tra le fila dell’esercito di Sua Maestà, ricreando la cruenta e sfinente realtà delle giubbe rosse nella magnifica, esotica e rovente India dell’epoca. Seguendo le vicende di Richard Sharpe, un soldato tormentato da un superiore pazzo e a cui viene affidata una missione impossibile, il lettore vive un’avventura a dir poco epica, capace di far volare il tempo e ricca di situazioni decisamente intense. Insomma parliamo di un romanzo storico e d’avventura eccezionale, con un’ambientazione storicamente impeccabile e traboccante di tanti dettagli da dipingere un magnifico affresco dello straordinario e ostile Regno di Mysore sotto il regno dell’usurpatore Tippu Sahib e della spedizione britannica per detronizzarlo. I vari personaggi sono tutti ben caratterizzati e lasciano decisamente il segno. Il protagonista in particolare, Richard Sharpe, viene presentato in maniera unica e sublime, mostrandoci tanto le sue abilità quanto gli aspetti più profondi della sua figura. Di certo gli ammiratori di Cornwell non dovranno rimpiangere Thomas di Hookton o Derfel. Chi ha letto la Revolution Series di Scarrow e, come me, è rimasto affascinato dalle gesta del giovane Arthur Wellesley in India, qui potrà riviverle in modo altrettanto appassionante ma con un’ambientazione infinitamente più dettagliata e ricca. L’unico difetto del libro è l’occasionale uso di termini tecnici non spiegati, cosa di poco conto e che non ostacola per nulla la lettura. Che dispiacere vedere anche in un libro di Cornwell l’errata dicitura “Borboni” anziché il corretto e invariabile “Borbone”, ma immagino sia colpa della casa editrice italiana.

Scrivi una recensione