Lo sguardo e l'evento. I media, la memoria, il cinema - Marco Dinoi - copertina
Salvato in 10 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Lo sguardo e l'evento. I media, la memoria, il cinema
23,75 € 25,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Lo sguardo e l'evento. I media, la memoria, il cinema 240 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
23,75 € Spedizione gratuita
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
23,80 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
25,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
23,75 € Spedizione gratuita
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
23,80 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
25,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Lo sguardo e l'evento. I media, la memoria, il cinema - Marco Dinoi - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Lo sguardo e l'evento. I media, la memoria, il cinema Marco Dinoi
€ 25,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Dal "sembra vero", con cui i primi spettatori cinematografici accoglievano le proiezioni dei fratelli Lumière, al "sembra un film", con cui molti spettatori televisivi hanno reagito alle immagini dell'11 settembre 2001, si è pienamente compiuto un salto cognitivo: la finzione sembra fornire un quadro che sovrapponiamo alla realtà per comprenderla, fino a una potenziale indistinzione tra reale e immaginario. Lo sguardo e l'evento cerca da un lato di descrivere e interpretare gli effetti di tale salto relativamente alla fruizione mediatica (internet e Tv, in primo luogo), dall'altro di rilevare le "strategie di resistenza" con cui una parte del cinema contemporaneo risponde a questo orizzonte informativo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2008
1 gennaio 2008
328 p., Brossura
9788860871183

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
misero
Recensioni: 5/5

E' possibile, oggi, sottrarre le immagini degli eventi dell'11 Settembre al flusso mediatico? Cosa si può sapere là dove una partecipazione è quasi sempre una partecipazione (tele)visiva? Cosa sa chi al posto di un fatto si trova davanti unicamente la sua immagine, o, come nel mondo della rete informatica, uno stenogramma dell'immagine? Queste sono a cui l'autore, cerca di dar risposta nel suo libro. Se la narrazione mediatica opera solo sul polo percettivo, sullo sguardo, facendo in questo modo del “vedere” la garanzia e la sostanza del “conoscere”, il cinema può e deve articolare una verità più profonda di quella offertaci dalla logica della sovrimpressione televisiva. Ed è proprio in certo cinema contemporaneo, suggerisce l'autore, che possiamo presagire un tentativo di connettere i frammenti di realtà, che turbinano alla rinfusa, in immagini che tornino ad assolvere una funzione testimoniale. Ma è una connessione che può stabilirsi solo ad un patto: che l'esperienza percettiva (il guardare) non si sostituisca a quella cognitiva (l'imparare).

Leggi di più Leggi di meno
Gianluca Pulsoni
Recensioni: 5/5

Ancora una volta, come sempre e più che mai, che cos'è e cosa non è una immagine. Perché l'immagine. Marco Dinoi, con una sistematica indisciplina culturale - meritevole più che mai, data la sapienza e l'inventiva che traspaiono continue nelle pagine di questa opera - mostra e dimostra con una grandissima apertura teorica come il problema dell'immagine sia il crocevia gnoseologico per eccellenza... per focalizzare tutte le soggettività e tutte le alterità possibili. La prima istanza significativa è quindi proprio questa: concentrare l'attenzione su una lettura "fenomenologica" dell'immagine audio-visiva. E Dinoi utilizza a tale proposito il cinema e i media in quanto "modo-mondo" del divenire sostanza delle immagini. Da questo punto di vista diventano letteralmente ESEMPLARI le strepitose pagine dedicate ad alcune opere di Chris Marker, che si fondano su un approccio davvero distante dalla esegesi testuale e stilistica canonica, per tendere invece ad una costruzione prospettivistica e fenomenologica del "segno" di Marker (specie quando Dinoi scriverà di LEVEL FIVE, collocando implicitamente l'opera del francese tanto nel "cuore del cinema" - se stiamo a Deney, che apostrofava il cinema come "articolazione di un discorso", il discorso-Marker per Dinoi è il discorso sul "senso" dell'immagine audio-visiva - quanto nel suo fuori, per via della secondarietà che l'idea di "messa in scena" assume nel cinema dell'autore francese). La ricchezza poi di questo testo è data dalla molteplicità reticolare di riferimenti, i rinvii costanti ad altro, la tessitura dell'ordito. Il tutto con una compattezza che privilegia l'analisi, lo smontaggio e una certa prevaricazione filosofica rispetto ad un basso continuo semiologico, come p.es. possiamo riscontrare nell'opera di uno dei più grandi studiosi italiani di cinema, maestro - non a caso - dello stesso Dinoi: M. Grande. Nella diversità degli approcci, la stessa convergenza degli esiti nell'idea di critica del maestro e dell'allievo: la centralità dell'analisi nella creazione.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore