Shake the Shudder

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Warp Records
Data di pubblicazione: 19 maggio 2017
  • EAN: 0801061028329

€ 18,50

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Torna la band di NYC, a distanza di due anni da As If, con un nuovo disco che si intitola Shake The Shudder. L’album è stato prodotto dal collaboratore di lunga data della band Patrick Ford e vede la collaborazione di parecchie cantanti tra cui Lea Lea, Meah Pace, Nicole Fayu, Cameron Mesirow e Molly Schnick.
Disco 1
1
The One 2
2
DITBR (Interlude)
3
Dancing Is the Best Revenge
4
NRGQ
5
Throw Yourself In the River
6
What R U Up 2Day
7
Five Companies
8
Throttle Service
9
Imaginary Interviews
10
Our Love (Give It to Me)
11
Things Get Hard

All’inizio degli anni 2000 lo chiamavano punk-funk e, col tempo, gli !!! hanno imparato a spostare l’ago della bilancia verso la prima o la seconda parte di questa parola composta. Oltre alla verve aggressiva alla Gang of Four, man mano che la loro discografia cresceva, abbiamo incontrato linee melodiche e ritornelli che potevano stare benissimo in una canzone degli Chic o dei Sugarhill Gang. Nel nuovo Shake the Shudder quest’attitudine seventies e` sicuramente la piu` interessante: dopo la tripletta Five Companies, Throttle Service e Imaginary Interviews, avrete il cuore piu` grande e i glutei decisamente rassodati. È altrettanto notevole quando la band spinge decisa verso l’acid house anni ’90: se andate per i 40, e se avete avuto un’adolescenza disagiata a dovere, quando sentirete The One 2 e Our Love (U Can Get) avrete piu` di un sussulto e vi sembrera` di annusare di nuovo l’odore della macchina del fumo della vostra discoteca di provincia preferita. Quando invece tornano verso i ritmi e i suoni dei primi album, manca del mordente e, a dirla tutta, ci si annoia un po’. Sono ancora quella band malata e provocatoria che aveva sconvolto mezzo mondo con il loro disco d’esordio? No, ma hanno il groove e una rinnovata voglia di fare. Occhio alla droga nel bicchiere. 

| Vedi di più >
Note legali