Il signor Mani. Romanzo in cinque dialoghi

Abraham B. Yehoshua

Traduttore: G. Sciloni
Editore: Einaudi
Edizione: 1
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 20 giugno 2018
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788806239411
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Dal giovane Efraim, soldato israeliano di stanza in Libano nei primi anni Ottanta, al patriarca Abraham vissuto nell'Atene di metà Ottocento, i diversi «signor Mani» sfilano nella storia e si trasmettono di padre in figlio una tragica eredità. Può un uomo spezzare la catena che lo lega al passato e al futuro? Può annullare la propria identità? Yehoshua mette in scena cinque dialoghi in cui di volta in volta una voce diversa ci guida verso i molti misteri di un'intero popolo e di una famiglia animata dall'utopia della pace.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 7,02

€ 13,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Raffaele

    08/12/2017 15:34:14

    Cinque dialoghi, cinque differenti circostanze, cinque epoche, legati tra loro dalla generazione dei Mani e dalla stupefacente creatività di Yehoshua. Un altro capolavoro.

  • User Icon

    Annarita

    12/11/2011 23:19:01

    Lo stile narrativo è molto bello - celando una parte del dialogo costringe il lettore ad un ruolo attivo, ad attingere al personale sentire, alla propria creatività e capacità emotiva per dare vita all'interlocutore nascosto - ma soprattutto Yehoshua in questi cinque monologhi con un silenzioso antagonista ci pone di fronte all'altra metà della luna, alla parte di ciascuno di noi - ma anche dell'umanità in generale - che si oppone o che semplicemente rappresenta l'alterità, la diversità. Cinque personaggi profondamente "visionari" si confessano ad un ascoltatore nascosto ed opposto: una madre, una nonna, un superiore militare, un padre ed infine il proprio "maestro". Cinque facce dell'universo ebraico, infinite facce di una cultura/religione, ovunque nel mondo, tante facce come i tanti semi dispersi dalla diaspora ed uniti in un unico filo che perenne dai secoli e nei secoli si dipana nello spazio e nel tempo. Yehoshua ci racconta l'anima dell'ebraismo, che diversamente eppure similmente ad ogni altra cultura compone il nostro variegato e ricchissimo mondo, attraverso la descrizione della molteplicità degli aspetti umani (il Mani che smette di essere ebreo e il Mani che si affanna alla ricerca di tutti coloro che hanno dimenticato di esserlo), il racconto delle infinite posizioni e contrapposizioni di ogni realtà (gli specchi che si riflettono l'uno nell'altro nella sala parto della clinica e il gioco di rimando di immagini di quello nell'alcova del giovane Mani e la sua sposa con quello nell'alcova del vecchio padre), nonché attraverso la narrazione delle possibili interpretazioni dell'esperienza di vita (il Mani che sollecita gli Ismaeliti di Gerusalemme: "Destatevi prima che sia troppo tardi. Conquistatevi una identità!"). Ricco di richiami simbolici alla storia del popolo ebraico e di evocative immagini di Gerusalemme, è un capolavoro tra le bellissime opere di uno scrittore le cui parole in prosa sono poesia e mi emozionano sempre.

  • User Icon

    linda

    09/06/2009 09:02:02

    Sarà che è un libro da lettori esperti, purtroppo non sono riuscita ad apprezzarlo a fondo, pur trovando buona la scrittura, persuasiva, i personaggi da come parlano sembrano stiano per svelare chissà cosa, ma alla fine l’aspettativa delude sempre, vuoi per il contesto, l’ ambientazione, poco interessanti per il mio gusto personale, dialoghi troppo logorroici che frenano la voglia di proseguire nella lettura. Forse ero partita con l’idea di cercare personaggi e testi interessanti da utilizzare in un contesto teatrale, che sconsiglio.

  • User Icon

    Mico

    01/09/2008 17:32:58

    Forse il mio libro preferito in assoluto e non solo di Yehoshua, che adoro. Lo stile narrativo che nasconde parte dei dialoghi è straordinario. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Philip

    18/11/2007 23:20:10

    Forse il capolavoro di Yehoshua,sia a livello narrativo che di prosa.Rispetto a "L'amante",al quale è a mio giudizio superiore,viene un pochino accantonato.Il finale,semplicemente meraviglioso e sconvolgente,costringe a vedere l'intero romanzo sotto un'altra ottica.Imprescindibile,è un libro complesso,e per trama e per modalità narrativa.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione