Recensioni La signora del martedì

  • User Icon
    22/12/2020 04:27:08

    Un Carlotto in grande spolvero!!! Non c'è l'Alligatore ma questo noir è di livello; così ironico e melanconico. Scorrevole ed avvincente e pure originale

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    28/11/2020 11:43:01

    Appassionante,ironico e da non perdere, la signora del martedì e i protagonisti della storia ti catturano nelle loro vicende umane.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/10/2020 19:03:43

    Storia grottesca e intrigante, personaggi intrisi di dolente ironia e ferocemente determinati a conservare quello spicchio di vita "perbene" che si sono guadagnati a carissimo prezzo. La trama e la particolarità dei personaggi mi hanno fatto pensare ad una sceneggiatura perfetta per un film di Almodovar. Consigliato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/07/2020 14:31:28

    Non mi è proprio piaciuto, terminato a fatica, una serie di avvenimenti per niente intrigante.A volte ho l'impressione che certi libri siano scritti forzatamente e non sotto la spinta di una sincera ispirazione.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/06/2020 20:37:15

    Libro diverso dagli altri di Carlotto, forse per questo più interessante. Personaggi particolari, ognuno con un vissuto diverso e intenso, e situazioni ancora più particolari. Nel complesso un'ottima lettura; forse la prosa poteva essere un po' migliorata. Consigliato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/05/2020 15:19:12

    L'ultimo libro di Carlotto che avevo letto si svolgeva tra le strade di Marsiglia e mi aveva un po' deluso... come se l'Autore dovesse confermare se stesso ma senza più troppa fantasia. 'La Signora del martedì' é davvero geniale, si riconoscono alcuni fototipi e allo stesso tempi si é stupiti dai nuovi, e dagli intrecci. Si sa quando si inizia e si soffre a dover interrompere la lettura, per me un grande ritorno di Carlotto

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    r.
    16/05/2020 16:13:07

    Quello che ho trovato molto interessante nel libro sono i personaggi, fuori dagli schemi comuni ma, al tempo stesso, inseriti in un contesto molto attuale.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/05/2020 19:12:50

    è davvero una storia carina ma poteva esser scritta meglio.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/05/2020 10:00:08

    Bello anche se ho preferito Il fuggiasco! Dovrò leggere subito l'Alligatore perchè in autunno arriverà la serie tv. Diciamo che sono un pò di parte, sono stata alla presentazione del libro ed ho conosciuto Carlotto di persona :P

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 18:01:28

    Finalmente una storia insolita. Ironia e divertimento sono la base di questo piacevole libro. Grande merito dello scrittore è stato quello di disegnare dei personaggi insoliti e bizzarri. Quello che ho trovato molto interessante nel libro sono i personaggi, fuori dagli schemi comuni ma, al tempo stesso, inseriti in un contesto molto attuale. Consigliato

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 15:44:59

    Tre strani protagonisti che si muovono con apparente insicurezza. Le loro vite e le loro singolari vicende si intrecciano e si mescolano a formare la piacevole armonia di ottimi distillati: la protagonista femminile ne è grande esperta.Quello che ho trovato molto interessante nel libro sono i personaggi, fuori dagli schemi comuni ma, al tempo stesso, inseriti in un contesto molto attuale. Ottimo ritmo. Ironia e divertimento sono la base di questo piacevole libro. Grande merito dello scrittore è stato quello di disegnare dei personaggi insoliti e bizzarri.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 10:21:12

    Una spanna sopra tutti gli altri scrittori noir e con la signora del martedì sì è superato uno dei romanzi migliori della sua carriera e uno dei libri più belli che sia stato pubblicato negli ultimi anni. Molto consigliato

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 08:29:09

    Questo noir atipico che racchiude diversi colpi di scena rendono la lettura attraente e piacevole. Buon esperimento di noir diverso. Consigliato

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/05/2020 17:45:07

    Un noir diverso che, nel racchiudere diversi colpi di scena, rende la lettura attraente e piacevole nel classico stile Carlotto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/05/2020 17:33:59

    A mano a mano che si prosegue nella lettura la vicenda ti intriga sempre di più, fino al finale stupendo..

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 17:37:11

    Noir crudo di uno dei nostri migliori, forse il più bravo, scrittore del genere. Una storia che si sviluppa focalizzandosi di volta in volta su un personaggio differente della vicenda narrata, senza togliere nè ritmo nè qualità. E i personaggi che si avvicendano sono dei piccoli microcosmi con le loro storie, paure, debolezze e contraddizioni. Una storia di fallimenti che nel loro piccolo, quando messi insieme riescono a trovare momenti di riscatto e di pseudofelicità per poi finire come sempre la dura realtà impone. Si legge velocemente, coinvolge, fa anche riflettere: cosa chiedere di più? Solito bravo Carlotto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 15:50:06

    Gli sconfitti sono i protagonisti indiscussi di questo romanzo di Massimo Carlotto. Il libro, mai scontato e con una trama originale, si legge con molta facilità. Ero un po' restia a comprarlo dopo aver letto la quarta di copertina. Poi ho osato e l'ho acquistato. Ho fatto proprio bene.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 09:49:45

    L'autore ci racconta un libro intenso, un noir ricco di emozioni. Questo libro è un noir, anche se all'inizio non sembra, ma quando la morte irrompe a stravolgere un ritmo già interessante, si resta colpiti dai sentimenti che le vite spezzate suscitano. L'autore ci mette a confronto con le nostre responsabilità, spostando l'empatia verso chi delinque ed è stato accusato per proteggere interessi superiori.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 07:47:06

    Ci sono personaggi con le proprie debolezze, come tutti noi. Non sono completamente buoni o totalmente cattivi. Sono uomini come Fanzago che non può più fare il suo mestiere a causa di un ictus oppure il travestito Alfredo. Un affresco che mi ha fatto riflettere e che mi ha donato la possibilità di pensare. Consiglio questo libro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 21:15:29

    stupendo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 19:07:33

    Un Carlotto che non sembra Carlotto. Subito la scrittura è spiazzante, poi lentamente ti intriga, e non vi resterà che finire il libro in men che non si dica.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 19:05:11

    Un Carlotto molto distante dalla sua scrittore classica, subito ti spiazza, poi inizi ad interessarti lentamente alla storia, fino a non riuscire a staccarti dal libro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 16:30:27

    E' stato il mio primo romanzo di questo autore. Me ne avevano parlato molto bene dei miei amici ma devo dire che non sono stato troppo soddisfatto. Personaggi forse un po troppo esagerati………….ma comunque bello da leggere

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 15:57:01

    Non una parola di più, non una di meno.. la scrittura di Carlotto in questo romanzo mi sembra semplicemente perfetta: asciutta ma non scarna, con periodi corti e passo misurato, c'è tutto quel che serve per essere esaustiva ma non eccessiva. Credo che molti autori di gialli e noir dovrebbero prenderlo ad esempio: non occorre necessariamente scrivere romanzi da 600 pagine, per non parlare di intere trilogie, per essere credibili e avvincenti. In merito al romanzo, credo ci sia anche molta autobiografia in ciascuno dei personaggi principali, il che conferisce un'ulteriore dimensione a questo libro. Apprezzo anche il cambio di "scena": sono affezionato all'Alligatore ma negli ultimi tempi mi pare che abbia perso un po' di verve.. probabilmente uscendo dalla sua ombra Carlotto ha trovato nuovi stimoli ed efficacia!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 15:06:02

    Wow strani ma accattivante

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 15:04:12

    Carlotto non si smentisce mai. Bel libro per gli amanti del genere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 14:53:56

    Appassionante. Da leggere assolutamente

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 13:53:47

    Un romanzo corale direi che si discosta dal genere noir, dove ogni personaggio nasconde qualcosa e, come in un gioco di specchi deformanti, modella il suo angolo di realtà a sua immagine e somiglianza. Finché l'amore e l'odio irrompono in questo gioco teatrale riportando i protagonisti a confrontarsi con la realtà e, alla fine, con loro stessi.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 13:13:34

    È il primo racconto di Carlotto che leggo, la vita di persone molto diverse tra loro e a loro volta diverse dall'ideale di normalità della società si intrecciano in un interessante intrigo. L'ho trovato ben scritto tanto da spingermi a recuperare il resto della produzione dell'autore. Consigliato

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 12:42:07

    Massimo Carlotto è un prolifico autore di noir, genere che pratico poco, se non consideriamo il cinema. Questo, però, è un noir atipico e incasellarlo sotto questa etichetta sarebbe riduttivo. Perché il detective, il crimine da svelare, la scena del delitto passano in secondo piano rispetto alle storie dei tre personaggi principali che hanno un carico umano non indifferente su cui riflettere. La signora del martedì, donna dalla misteriosa identità, frequenta solo il martedì dalle 15 alle 16 un gigoló a fine carriera presso l’albergo in cui vive, la pensione Lisbona, retta dall’anziano proprietario travestito. Lo scrittore l’ha definito il dramma dei corpi: corpi usati, sbeffeggiati, violati, alla mercé di un pubblico, quello dei media e dei social, pronto a farli a pezzi per il proprio ludibrio. Soprattutto quando avviene un omicidio che pare senza colpevoli. Il romanzo si legge d’un fiato e, mentre si seguono i vari punti di vista dei protagonisti, ci si affeziona a loro tre, ma nessuno alla fine ne esce completamente pulito. Nessuno è innocente o colpevole fino in fondo... in mezzo c’è una varia umanità, fatta di mille sfumature di cui ai media e ai social non importa. L’importante è condannare, giudicare, avere un capro espiatorio.

    Leggi di più Riduci