Categorie
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Pagine: 221 p., Brossura
  • EAN: 9788806173036
Usato su Libraccio.it - € 7,45

€ 11,73

€ 13,80

Risparmi € 2,07 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    erika mugnaini

    12/02/2012 16.29.13

    L'autrice usa le parole come lama di coltello: ogni frase porta via,scarnifica, suscita emozioni forti, dure, nette, come la vita che tenta di raccontare. Le parole sono gettate sulla pagina del libro, la riempiono eppure, come ricorda il titolo, è il silenzio che fa da cornice e regge tutto...è bello perchè le parole sono davvero gettate,improvvise, seguono l'andamento del pensiero della protagonista, sono essenziali, crude, aderenti alla realtà per quello che è e per come si dà. Penso che siano le parole che usano coloro che hanno una ferita che sanguina anche se non la vedi, le parole sono il sangue che esce dalla ferita, dal troppo capire,vedere, comprendere. Le parole di chi parla poco ma sente molto: le più vere e dirette.Ermetiche. Dopo molto dolore resta questo: l'utilizzo del linguaggio in maniera essenziale e cruda, spiazzante. E poi il silenzio. Che pure parla e forse più di ogni altra parola...

  • User Icon

    Minerva

    21/06/2005 09.37.58

    La scrittrice è eccezionale...è riuscita a rappresentare non solo il suo stato d'animo,ma anche il mio...mi ha dato un sacco di brividi...grazie

  • User Icon

    paolo losasso

    20/06/2005 18.24.40

    La forza di questo romanzo sta tutta nella capacità ammirevole di creare immagini nuove, inusuali ed efficaci, non usurate. I temi principali sono l'assenza e il silenzio. Assenza come mancanza di amore di una figlia che non ha conosciuto e frequentato il padre al quale, il patrigno, non ha saputo sostituirsi donando quell'affetto mai sperimentato se non saltuariamento nel vincolo sentimentale con la madre. La carenza della relazione con la figura paterna condiziona anche i rapporti con l'altro sesso rendendo la protagonista incapace di ricevere e di dare amore agli uomini che incontra. Il silenzio è quello della disperazione. Se le parole hanno il ruolo di combatterla attraverso il dialogo, il silenzio è già arresa alla sorte. Consapevolezza che la disperazione non puòessere vinta e superata. Bisogna conviverci con tutte le conseguenze che ciò comporta. La scrittura, alla quale la protagonista si abbandona scrivendo delle lettere chiarificatrici che immagina di spedire a un uomo che l'ha appena lasciata, è l'unico, l'ultimo tentativo di non farsi sopraffare totalmente dal dolore. E' proprio il vuoto affettivo a far nascere la rabbia, il desiderio di vendicarsi, di opporsi, di rispondere al disamore con la stessa moneta, fino a capire tardivamente che ciò è infruttuoso e non può capovolgere una condizione, uno stato di cose. La presa di coscienza porta al pentimento che, però, non si indirizza verso un atteggiamento costruttivo nei confronti della vita. Il rimedio al malessere si manifesta esclusivamente nel desiderio di dimenticare. Sul sentimento della dimenticanza si chiude il libro. La protagonista lancia un appello finale:non chiede di essere capita ma si domanda semplicemente se gli altri sono in grado di riconoscere la sua sofferenza. Una considerazione sulla tecnica narrativa: non rappresenta una novità nel senso che il periodare conciso, la frase breve (che per'altro ben si uniformano al contenuto) sono stati già sperimentati in letteratura.

  • User Icon

    FraFra84

    08/06/2005 15.50.36

    Davvero un buon libro.la trama e i personaggi sono forti e pieni di dolore.il libro si legge con coinvolgimento.unica pecca:in certe pagine lo stile diventa troppo barocco e pomposo quando non ce ne sarebbe bisogno.complimenti deborah sei una cara speranza perchè sei ancora giovane ed hai sfornato un ottimo libro!!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione