Silk Around the Marrow

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Dagger Moth
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Dagger Moth
Data di pubblicazione: 20 maggio 2016
  • EAN: 8016670124153
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 16,50

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Rispetto al primo album questo secondo lavoro ha avuto una gestazione più breve ma più complessa. Il debutto omonimo come Dagger Moth era nato come una trasposizione eterogenea e scarna dei brani che già da alcuni mesi l’artista aveva iniziato a testare dal vivo, ben prima di entrare in studio. Per i brani di “Silk Around the Marrow” aveva in mente delle atmosfere ben precise a cui dar forma seguendo un percorso inverso rispetto a quanto fatto 3 anni prima: messa in stand by l'attività live, è iniziata la ricerca e raccolta in solitudine di idee ed arrangiamenti - tra chitarre, voci e suoni più sintetici - con una ventina di bozze casalinghe, in seguito passate al setaccio e rifinite prima di entrare in studio durante l'autunno. Nei mesi invernali le registrazioni si sono divise tra il Cosabeat studio di Franco Naddei (per le parti di elettronica e il mix) e l'homestudio di Antonio Gramentieri (per molte delle take di chitarra). E qua e là sia Franco che Antonio hanno anche imbracciato i rispettivi strumenti per aggiungere note di colore alla tavolozza. Pregevolissimo il coinvolgimento del grande chitarrista Marc Ribot, con una proposta inusuale, data la carriera del personaggio: contribuire con delle parti di voce ad un brano. Un sogno che Sara covava da anni. Ad avvolgere il tutto c'è però sempre un punto di vista femminile, anche se probabilmente è quello di una donna non del tutto “convenzionale”. Nel carattere dei brani spesso confluisce qualcosa di corporeo, quasi fisiologico, deperibile ma vitale, crudo, organico, una dimensione che comunque raramente riesce a scindere da quella mentale, in una visione tanto onirica quanto concreta. Non a caso il brano che chiude il disco divaga tra buchi neri, metafisici e cosmici, spazi che fanno ritrovare la misura vera delle cose.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali