Silvio Piola. Il senso del gol

Lorenzo Proverbio

Editore: Mercurio
Anno edizione: 2006
Pagine: 205 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788886960861
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Silvio Piola (1913-1996) è entrato di diritto nella leggenda del calcio internazionale grazie ai suoi incredibili record. Esordisce in serie A nel 1930 con la bianca casacca della Pro Vercelli e appende le scarpette al chiodo nel 1954, mentre ancora milita nella massima divisione difendendo i colori del No vara. Nel mezzo, le indimenticabili stagioni nella Lazio, il campionato di guerra in maglia granata e anche due stagioni nelle file della Juventus. Più di due decenni al vertice assoluto dello sport italico, attraversando generazioni ed evoluzioni tecniche con la naturalezza del predestinato. È però con la Nazionale che Piola instaura il legame più profondo. In maglia azzurra conquista una Coppa del Mondo (1938) a suon di gol e disputa alcune delle sue più belle partite, sempre pronto alla convocazione di Vittorio Pozzo. Tra i vari record in suo possesso, alcuni dei quali difficilmente superabili, vi è quello di maggior realizzatore di sempre in campionato. Schivo e riservato, innamorato del pallone fino alla fine, rappresenta da sempre un mito sportivo fondato sulla volontà e sulla correttezza. Il volume ripercorre le tappe fondamentali della sua carriera, da bomber a istruttore federale, rispettando il naturale parallelismo tra sport e società, in epoche che ripropongono domande e certezze ancora attualissime.

€ 38,00

€ 40,00

Risparmi € 2,00 (5%)

Venduto e spedito da IBS

38 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    wehrkelt

    18/04/2009 00:22:43

    Delizioso. Struggente. Documentato. Perfino commovente, per chi abbia conosciuto, almeno nei racconti dei padri, quel calcio. Scritto (bene) con amore per il grande Silvio e per il calcio, quello che si giocava col pallone, non coi soldi ed i microfoni. Noto che non vi sono ancora commenti. Non resta che compatire chi identifica il calcio coi furboni alla Mourinho, coi belloni alla Beckham o con le urla dei cronisti Sky.

Scrivi una recensione