Sinfonie per clavicembalo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 28 marzo 2014
  • EAN: 5028421948393
Salvato in 2 liste dei desideri
Sinfonia in Sol maggiore Wq 122 n.1 (Wq 173); Sinfonia in Fa maggiore Wq 122 n.1 (Wq 175); Sinfonia in Re maggiore (Wq 176); Sinfonia in Mi minore Wq 122 n.3 (Wq 178)
Le sinfonie di Carl Philipp Emanuel Bach sono considerate dai musicologi l’anello di congiunzione ideale tra l’ultima splendida fase del Barocco e i primi bagliori dello stile classico, che avrebbe raggiunto il suo apice con i capolavori di Haydn e di Mozart. Queste opere sono strutturate in tre movimenti relativamente brevi e presentano una scrittura molto originale, con parecchi spunti imprevedibili e di grande virtuosismo. Allo scopo di soddisfare la domanda dei sempre più numerosi appassionati di musica e musicisti dilettanti della ricca classe media della sua epoca, il Bach di Berlino trascrisse alcune di queste sinfonie per clavicembalo solo, mantenendo in maniera molto fedele l’impianto dell’opera originale e conservandone tutto il vigore e la tesa drammaticità. Queste brillanti trascrizioni trovano spiegazione anche nel fatto che Emanuel era un cembalista dotato di un talento fenomenale. Il cembalista italiano Andrea Chezzi esegue queste opere con energia e grande convinzione su un magnifico clavicembalo dalle sonorità quasi orchestrali. Nel complesso si tratta di un disco di grande interesse comprendente una serie di opere quasi sconosciute, che costituisce la celebrazione ideale per il terzo centenario della nascita del figlio secondogenito del grande Johann Sebastian Bach.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Carl Philipp Emanuel Bach Cover

    Compositore tedesco. Secondo figlio di Johann Sebastian B., frequentò la Thomasschule di Lipsia e l'università di Francoforte sull'Oder, dove studiò legge. Dal 1740 al 1767 fu al servizio di Federico il Grande come clavicembalista e dal 1767 direttore di musica nelle chiese di Amburgo. Fu un fecondo compositore di sinfonie, concerti, musica da camera, musica sacra, Lieder e pezzi per clavicembalo (fra cui le 6 sonate prussiane, 1742, dedicate a Federico ii di Prussia, le 6 sonate württemberghesi, e le 6 sonate con ripresa variata, 1760). Il suo trattato Versuch über die wahre Art das Clavier zu spielen (Saggio di metodo per la tastiera, i parte, 1753; ii parte, 1763) è fondamentale per l'interpretazione della musica settecentesca per strumenti, in particolare per quella del padre Johann Sebastian... Approfondisci
Note legali