Categorie

Edmondo Berselli

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 208 p. , Brossura
  • EAN: 9788804592839

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tullio Pascoli

    03/02/2017 12.47.16

    Lettura spiccia e piacevole se non fosse per i sarcastici attacchi ai destri come Berlusconi, Reagan Thatcher ed altri economisti liberali. L’autore mostra una notevole erudizione, citando pure autori che la stragrande maggioranza degli Italiani ahimè non conosce ma sue ironie agli economisti della Scuola Austriaca o di Chicago non sono condivisibili. Stile e linguaggio molto divertente, ma esagera negli elogi a Prodi come se fosse un genio, conclusione a cui di certo proprio nessuno a Bruxelles o a Friburgo convaliderebbe. Interessanti le critiche alla sinistra, ma mostra in modo chiaro le sue preferenze per le tesi keynesiane già confutate da Hayek fin dai tempi del loro confronto alla conferenza di Bretton Woods. Lo statalismo di Keynes non resiste nemmeno agli attacchi di Ludwig von Mises né di Fiedman (Milton e David). La modernità, inoltre, va sempre più verso le preconizzazioni di Frédéric Bastiat che oltre 150 fa suggeriva la privatizzazione di quei servizi che oggi sono espletati dal potere pubblico che, come si sa, li gestisce male. Cosa che i nostri manifestanti sulle barricate, con i loro assalti ai monumenti e nei girotondi non comprendono. Come Popper insegna, la conoscenza non ha fine e non si esaurisce; e la torta della ricchezza non è di dimensione finita: aumenta con il capitale umano. In fine, l’autore cambia il nome di Porto Alegre in "Puerto Alegre"; errore imperdonabile commesso solo da chi non conosce il Brasile: poteva scrivere "Porto Allegro" (all'italiana) oppure "Fröhlicher Hafen" (alla tedesca) già che lo stato di Rio Grande do Sul è formato al 90% da oriundi italiani (50%) e tedeschi (40%) di 3ª, 4ª e 5ª generazione e la versione in spagnolo non esiste, lingua considerata dei "gringos (Argentini ) che in Brasile non sono amati. Peccato che Berselli se la prenda tanto con Berlusconi ed i suoi accoliti, mentre non cita i sinistrati che difendevano le invasioni sovietiche di Budapest, Praga e difendono perfino Fidel Castro.

Scrivi una recensione