Sinistrati. Storia sentimentale di una catastrofe politica

Edmondo Berselli

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 208 p., Brossura
  • EAN: 9788804592839
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 4,75

€ 9,50

Risparmi € 4,75 (50%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,13

€ 9,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tullio Pascoli

    03/02/2017 12:47:16

    Lettura spiccia e piacevole se non fosse per i sarcastici attacchi ai destri come Berlusconi, Reagan Thatcher ed altri economisti liberali. L’autore mostra una notevole erudizione, citando pure autori che la stragrande maggioranza degli Italiani ahimè non conosce ma sue ironie agli economisti della Scuola Austriaca o di Chicago non sono condivisibili. Stile e linguaggio molto divertente, ma esagera negli elogi a Prodi come se fosse un genio, conclusione a cui di certo proprio nessuno a Bruxelles o a Friburgo convaliderebbe. Interessanti le critiche alla sinistra, ma mostra in modo chiaro le sue preferenze per le tesi keynesiane già confutate da Hayek fin dai tempi del loro confronto alla conferenza di Bretton Woods. Lo statalismo di Keynes non resiste nemmeno agli attacchi di Ludwig von Mises né di Fiedman (Milton e David). La modernità, inoltre, va sempre più verso le preconizzazioni di Frédéric Bastiat che oltre 150 fa suggeriva la privatizzazione di quei servizi che oggi sono espletati dal potere pubblico che, come si sa, li gestisce male. Cosa che i nostri manifestanti sulle barricate, con i loro assalti ai monumenti e nei girotondi non comprendono. Come Popper insegna, la conoscenza non ha fine e non si esaurisce; e la torta della ricchezza non è di dimensione finita: aumenta con il capitale umano. In fine, l’autore cambia il nome di Porto Alegre in "Puerto Alegre"; errore imperdonabile commesso solo da chi non conosce il Brasile: poteva scrivere "Porto Allegro" (all'italiana) oppure "Fröhlicher Hafen" (alla tedesca) già che lo stato di Rio Grande do Sul è formato al 90% da oriundi italiani (50%) e tedeschi (40%) di 3ª, 4ª e 5ª generazione e la versione in spagnolo non esiste, lingua considerata dei "gringos (Argentini ) che in Brasile non sono amati. Peccato che Berselli se la prenda tanto con Berlusconi ed i suoi accoliti, mentre non cita i sinistrati che difendevano le invasioni sovietiche di Budapest, Praga e difendono perfino Fidel Castro.

  • User Icon

    Tullio Pascoli

    03/02/2017 12:37:45

    Lettura spiccia e piacevole se non fosse per i sarcastici attacchi ai destri come Berlusconi, Reagan Thatcher ed altri economisti liberali. L’autore mostra una notevole erudizione, citando pure autori che la stragrande maggioranza degli Italiani ahimè non conosce ma sue ironie agli economisti della Scuola Austriaca o di Chicago non sono condivisibili. Stile e linguaggio molto divertente, ma esagera negli elogi a Prodi come se fosse un genio, conclusione a cui di certo proprio nessuno a Bruxelles o a Friburgo convaliderebbe. Interessanti le critiche alla sinistra, ma mostra in modo chiaro le sue preferenze per le tesi keynesiane già confutate da Hayek fin dai tempi del loro confronto alla conferenza di Bretton Woods. Lo statalismo di Keynes non resiste nemmeno agli attacchi di Ludwig von Mises né di Fiedman (Milton e David). La modernità, inoltre, va sempre più verso le preconizzazioni di Frédéric Bastiat che oltre 150 fa suggeriva la privatizzazione di quei servizi che oggi sono espletati dal potere pubblico che, come si sa, li gestisce male. Cosa che i nostri manifestanti sulle barricate, con i loro assalti ai monumenti e nei girotondi non comprendono. Come Popper insegna, la conoscenza non ha fine e non si esaurisce; e la torta della ricchezza non è di dimensione finita: aumenta con il capitale umano. In fine, l’autore cambia il nome di Porto Alegre in "Puerto Alegre"; errore imperdonabile commesso solo da chi non conosce il Brasile: poteva scrivere "Porto Allegro" (all'italiana) oppure "Fröhlicher Hafen" (alla tedesca) già che lo stato di Rio Grande do Sul è formato al 90% da oriundi italiani (50%) e tedeschi (40%) di 3ª, 4ª e 5ª generazione e la versione in spagnolo non esiste, lingua considerata dei "gringos (Argentini ) che in Brasile non sono amati. Peccato che Berselli se la prenda tanto con Berlusconi ed i suoi accoliti, mentre non cita i sinistrati che difendevano le invasioni sovietiche di Budapest, Praga ed esaltano perfino Fidel Castro.

  • User Icon

    Lorenzo Panizzari

    03/02/2013 02:30:14

    Anni fa il Milan dopo 45' vinceva 3-0 la finale di Champions; nel secondo tempo il Liverpool rimontò e vinse ai rigori. Il giorno dopo Paolo Cavallone su R101 (anche lui milanista) riuscì cmnq a farci ridere tutti. Berselli fa la stessa cosa dopo la bastonata delle elez2008. Poi spazia dal '70 al futuro, con ironia sempre di buon livello, colta, mai sguaiata o banale, in un giusto equilibrio tra italianità e cultura alla W.Allen, con un linguaggio moderatamente ricercato. Libro estivo, buono per pensare a qualcosa ma senza troppo impegno. Diventa pesante tra pag 40 e 77 (si concentra sulla storia da Togliatti al '90), ma si riprende poi facilmente: l'autore dà il meglio nell'analisi sociopolitica da Berlusconi in poi e nel processo di metamorfosi del PCI nell'attuale PD. Difetto: troppo morbido verso la Chiesa e verso i Sindacati; entrambi citati, ma passano indenni in confronto a partiti e personaggi. Pregio: critica sociale e sarcasmo politico (per motivi diversi) equamente distribuiti tra dx e sx. Molto ironico ma serissimo il blocco conclusivo composto dai Cap. 21-25, con critica non solo sociale sugli eventi accaduti, ma anche prospettica. In particolare spiccano: la descrizione del processo a valanga dal reaganismo alla crisi dei mutui subprime, la critica ai giovani adagiati sulla loro condizione, il blocco della mobilità sociale italiana.

  • User Icon

    milo

    30/09/2009 22:56:37

    Bello, ironico, intelligente. Lo consiglio a tutti. Berselli è così simpatico che non sembra neanche di sinistra!

  • User Icon

    giovanni

    04/02/2009 20:20:22

    La sinistra italiana ed il suo popolo visti da sinistra. Mali, contraddizioni, litigisità interne, difetti, idealità, delusioni, speranze: tutto questo analizzato sotto la lente acuta e sarcastica di un grande saggista. Berselli evidenzia con raffinata ironia i vizi intrinseci della sinistra degli ultimi trent'anni. In alcuni punti l'autore pare lasciarsi prendere da una dolce malinconia per i bei tempi passati, come per esempio gli anni della segreteria Berlinguer. Un libro scritto con uno stile fresco e coivolgente. Una lettura consigliata.

  • User Icon

    Francesco L

    21/01/2009 18:23:10

    Libro interessante e ben articolato. Segue secondo un ordine cronologico scevro da troppi schemi l'evoluzione del pensiero e degli uomini della sinistra italiana da Berlinguer ai giorni nostri. Il tema di fondo è quello dell'identità e del ruolo della sinistra nell'attuale panorama politico del Belpaese ma l'approccio al tema scelto dall'autore è chiaramente ironico e disincantato. Berselli riesce con la sua consueta abilità nel non facile intento di mettere in fila mali ed errori della sinistra italiana indicando puntualmente le origini e le cause degli stessi. Una lettura interessante sia per chi, come l'autore, vive da "sinistrato" il dramma della crisi della sinistra italiana, sia per quanti sono interessati a conoscere la diagnosi completa di un corpo politico che i suoi stessi appartenenti non esitano più a definire quanto meno malato.

  • User Icon

    claudio

    16/12/2008 16:53:31

    Che sfiga essere di sinistra. Ce lo dimostra con la solita verve Berselli, già apprezzato per altri libri e per l'attività di giornalista.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione