Il sistema politico italiano - Carlo Guarnieri - copertina

Il sistema politico italiano

Carlo Guarnieri

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Collana: Farsi un'idea
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 25 gennaio 2007
Pagine: 121 p., Brossura
  • EAN: 9788815115225
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 5,29

€ 9,80
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I modi in cui è avvenuta l'unificazione italiana hanno fatto sì che il nuovo stato abbia dovuto affrontare in rapida successione sfide che altrove sono state diluite nell'arco di secoli. Questo ha lasciato segni evidenti sullo sviluppo politico successivo, sulle architetture istituzionali e sul loro rendimento, nonché sulla percezione della loro legittimità. La prospettiva di lungo periodo - dall'Unità a oggi - con cui l'autore ha scelto di descrivere il funzionamento del sistema politico italiano e la sua evoluzione, sottolinea le radici lontane di molti dei problemi d'oggi e individua con chiarezza gli elementi di discontinuità. In particolare gli anni '90 hanno visto per la prima volta prendere forma un assetto bipolare competitivo, con implicazioni potenzialmente positive per l'intero sistema, anche se la legge elettorale del 2005 rischia di interrompere tale processo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'autore assolve il non facile compito di dare in breve una chiara descrizione del sistema politico italiano, assumendo una prospettiva di lungo periodo, che parte dall'unificazione della penisola, e sottolineando come il nuovo stato soffrisse di un deficit di legittimazione, superato solo assai faticosamente. Dopo questa introduzione storica, però, l'esposizione si concentra soprattutto sul periodo postbellico. La categoria analitica principale di cui l'autore si serve per spiegare l'Italia repubblicana è quella del pluralismo polarizzato, coniata a suo tempo da Giovani Sartori. Guarnieri la usa con discernimento. La contrapposizione ideologica era causa ed effetto dell'immobilità del sistema che ha caratterizzato il lungo dopoguerra. Lentamente, però, le gabbie ideologiche vengono meno. In questo modo la polarizzazione si attenua, aprendo la strada a sviluppi positivi. Dopo essere stato a lungo un sistema bloccato (e questo già in età liberale), a partire dagli anni novanta del secolo scorso il sistema riesce a ristrutturarsi, sia pure empiricamente, e conosce finalmente una normale alternanza di governo. Guarnieri non si nasconde i rischi di involuzione che la situazione presenta, ma segna la strada da seguire invitando a consolidare i progressi compiuti. Se il libro centra l'obiettivo di offrire una visione d'insieme equilibrata e mai faziosa, ci pare che su alcuni punti l'esposizione avrebbe potuto risultare più incisiva. Nel descrivere la crisi della prima repubblica, ad esempio, si dà forse troppo spazio a "tangentopoli" come a un fattore determinante, mentre era solo un epifenomeno. Infatti, il sistema era entrato in una crisi totale di legittimazione dopo la fine della guerra fredda. Più in generale, poi, nella descrizione degli assetti di potere dell'Italia repubblicana non si sottolinea a sufficienza la centralità democristiana come autentico cardine del sistema.
  Maurizio Griffo
Note legali