Il sogno del bambino stregone - Luca Castellitto - copertina

Il sogno del bambino stregone

Luca Castellitto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Piemme
Collana: Bestseller
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 agosto 2010
Pagine: 307 p., Brossura
  • EAN: 9788856614688
LIBRO USATO € 3,19
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 3,19

€ 5,90

Punti Premium: 3

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Intabarrato in una coperta consunta che lascia trasparire solo gli occhi, un bimbo si alza dalla panca che ha eletto a giaciglio. Non ha ancora dieci anni. Intorno a lui, una decina di compagni continuano i loro sogni agitati. Ogni sera il brulicante mercato di Kinshasa diventa dormitorio per un esercito di ragazzini. Si aggirano in cerca di cibo, si abbandonano stremati. Molti, come Michel, sono stati cacciati di casa con un'accusa gravissima e ridicola al tempo stesso: quella di essere infidi stregoni, degli "ndoki", che trascinano il malocchio sul tetto familiare. Capro espiatorio perfetto, che si nutre dell'istigazione delle sette che proliferano per il paese: il bimbo troppo irruente o troppo silenzioso, quello che ancora fa la pipì a letto o che rifiuta il cibo è bollato. Ogni evento negativo che coinvolga la famiglia, anche il più insulso, gli verrà addebitato, fino a che non sarà messo alla porta. Ma non prima di aver subito umiliazioni, violenze, crudeli esorcismi. Quella di Michel è una storia incredibile, eppure simile a quella di molti altri bambini. Ma è anche una storia di riscatto perché, in una notte terribile, Michel incontra Sylvie, e con lei una nuova speranza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alexia

    03/05/2011 09:03:43

    Un bambino diverso dal gruppo,additato,scelto come capro espiatorio.Maltrattato,segregato,seviziato,torturato.Ed infine abbandonato. Sopravvivera',andando in citta. Furti,droga,sesso.Un bambino non diverso dai piccoli abbandonati nel post Ceausescu.Anche lui avrebbe vissuto nelle fogne,se ci fossero nel Congo. Ma quando tira calci ad un pallone,sembra ancora un bambino di 8 anni. In questa cultura congolese,i bambini non sono protetti e non hanno diritti. L'abbandono,la malattia e la morte di figli che non scelgono di venire al mondo non sono importanti per gli adulti. Dedico la mia lettura ai miei tre figli,viziati e mal educati dalla loro mamma. Consiglio questa lettura a chi si tormenta perche' si considera un genitore inadeguato e assente!

Note legali