Il sogno del drago. Dodici settimane sul Cammino di Santiago da Torino a Finisterre - Enrico Brizzi - copertina

Il sogno del drago. Dodici settimane sul Cammino di Santiago da Torino a Finisterre

Enrico Brizzi

Scrivi una recensione
Collana: Passi
Anno edizione: 2017
Pagine: 318 p., Brossura
  • EAN: 9788868337186
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 11,18

€ 14,90
(-25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 14,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un'avventura a passo d'uomo, un atto d'amore verso il Cammino più frequentato d'Europa

«Camminando ruggisci e preghi, mediti e impari a conoscere, ripercorri orme vecchie di secoli e apri la strada per chi verrà dopo di te.»

Camminare è un modo di respirare e di conoscere, uh ritmo con cui si sceglie di vivere, una trasformazione costante. È una via per incontrare gli altri superando confini, pregiudizi, inibizioni. Per Enrico Brizzi, scrittore, padre, viaggiatore, il cammino è una danza, una preghiera, una musica senza parole che segue il respiro antico del mondo. libera la mente dall'inessenziale e vince il drago che si nasconde in ognuno di noi. Con lo zaino carico di curiosità, di pazienza , di libertà, si pone sempre nuovi obiettivi, unico rimedio alla nostalgia che si prova quando si arriva alla meta. Così, dopo essere stato da Canterbury a Roma, dalla Vetta d'Italia a Capo Passero, da Roma a Gerusalemme, si incammina con i Buoni Cugini partendo dalla sua amata Torino alla volta di Santiago. E lungo il percorso - che valica le Alpi e i Pirenei correndo come un filo rosso attraverso storie e miti dell'Occidente, da Annibale a Carlo Magno, dal Cid Campeador a d'Artagnan, dai giacobini ai miliziani spagnoli - si interroga sulle radici del nostro Vecchio continente, cucendole insieme nel magico idioma dei viandanti.
4,8
di 5
Totale 5
5
4
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Francesca S.

    17/09/2018 18:48:02

    Ho comprato e letto questo libro perché da sempre sogno di p ricorrere il Cammino di Santiago. Non avendo potuto compiere realmente il Cammino mi sono affidata al libro e devo dire che leggendolo mi sono sentita veramente una pellegrina!!! L’autore è si tecnico e preciso nella descrizione del percorso, ma allo stesso tempo riesce a descrivere e trasmettere le proprie emozioni e le motivazioni per cui ha deciso di intraprendere questo viaggio. Attraverso l’introspezione dell’autore si riesce a fare un viaggio all’interno del proprio Io, incontrando i propri draghi e sconfiggendoli. Dopo la lettura del libro sono ancora più convinta di dover intraprendere il cammino anche io! Buona lettura e “buon cammino”!

  • User Icon

    Stefano

    07/10/2017 09:49:56

    A questo libro posso fare il complimento più grande: è bello come un cammino! Interessante ad ogni passo, vissuto pienamente nelle piccole quotidianità e nei grandi incontri con la Storia, bagnato dal sudore e dalla pioggia, pieno di umiltà e di curiosità. Come ogni cammino che si rispetti, è un peccato che finisca.

  • User Icon

    Claudio S.

    29/09/2017 06:42:11

    Diavolo di un Brix, anche questa volta ci prendi, ci ipnotizzi, ci accallappi e ti seguiamo passo passo in questo nuovo/vecchio cammino. Intrecciando storia/geografia/vita vissuta, partendo da Torino e arriviamo a Santiago de Compostela, proprio il cammino più cammino (quello Francés) che io ho fatto, ma che da allora "non è più lo stesso" (te lo risparmio). I buoni cugini ti hanno piantato in asso più volte, per motivi di lavoro o di lussuria, ma tu sei andato avanti fino alla meta finale. Alcune sensazioni, situazioni le ho ritrovate in pieno e sei riuscito a ricrearle e a dipingerle benissimo. Diavolo di un Brix: alla prossima. Il buon cugino Claudio.

  • User Icon

    Sergio

    26/06/2017 18:48:44

    Veramente un bel libro. Divertente, fa venire voglia di fare il cammino di Santiago e non solo. Partecipi alle avventure dello scrittore ed alla fine gioisci con lui per la conclusione del viaggio. Rimane un po' di delusione perché sai che forse non potrai mai farlo, per mancanza di tempo...o forse solo perché il tuo tempo è passato.. chissà.

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    19/06/2017 04:52:14

    Cinque per premiare la fatica immensa fatta dall'Autore camminatore. Come tutti i libri di viaggio ti invita a sognare e ti porta per mano a vivere la medesima avventura che tu sai di non poter fare mai.....per pigrizia un tempo ed ora per l'età che avanza inesorabile. Libro ben scritto ed avventura non millantata ma umilmente descritta da questo ragazzo coraggioso e soprattutto moderno e figlio del nostro tempo. Bravo lui e i suoi compagni.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Enrico Brizzi Cover

    Scrittore italiano, è figlio di un professore di Storia moderna all'Università e di madre insegnante di scuola superiore. Frequenta da adolescente il Liceo Galvani della sua città (che diventerà storpiato in "Caimani" nel primo libro). Esordisce non ancora ventenne con il suo primo romanzo Jack Frusciante è uscito dal gruppo, tradotto in ventiquattro paesi e divenuto film nel 1996. All'ingombrante esordio l'autore ha fatto seguire il tenebroso Bastogne. Nel 2003 ha sposato Cristina Gaspodini, già curatrice del volume Il mondo secondo Frusciante Jack. Fra gli autori italiani che più l'hanno influenzato, Brizzi ha sempre citato al primo posto Pier Vittorio Tondelli. Nell'aprile 2008 ha intrapreso un secondo viaggio sulle orme dei pellegrini medievali,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali