Sogno disegno matita di legno

Guido Quarzo

Editore: EL
Collana: Le letture
Anno edizione: 1995
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: 120 p., ill.
  • EAN: 9788870687354
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Che differenza c'è fra disegnare un disegno, sognare un sogno, raccontare una storia? Nessuna. E se poi le storie vanno avanti da sole, non c'è niente di meglio che saltarci dentro e vedere quel che succede. Certo, il rischio che tra sogni, storie e disegni nasca qualche pasticcio... be', è un rischio da correre. Terzo livello di lettura.

€ 3,20

€ 6,40

Risparmi € 3,20 (50%)

Venduto e spedito da IBS

3 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 6,40 €)

 
 
 


scheda di Gallo, S., L'Indice 1995, n. 8

Guido Quarzo, premio Andersen il Mondo dell'Infanzia 1995, rincorre l'immaginazione e i sogni dei bambini attraverso i loro disegni. Nella foresta disegnata da Luca vorrebbero convivere un leone e una tigre, ma è impossibile; allora la tigre scappa e si nasconde in cucina e Luca viaggia tra felci, liane, piante strane e pigne di cioccolata in compagnia del leoncino. Mattia invece disegna un fantasma così bello sul foglio bianco che nessuno lo vede. Non lo vede neppure la maestra quando va a piazzarsi sulla lavagna, ma piuttosto di essere cancellato prende il volo con tutta la lavagna e fluttua sulla testa dei bambini. Il disegno della torre non soddisfa Elena; è piuttosto un pozzo, peccato che inghiotta a poco a poco tutta la classe, allora è meglio che ridiventi torre per la gioia di tutti. E ancora c'è un buco nel foglio fatto dal troppo cancellare di Valentina, un buco che corrisponde proprio alla porta della casetta, da cui si affaccia una donnina che ha tante storie di disegni da raccontare. E infine c'è Giovanni che ai giardini vuol disegnare il color trasparente, l'aria, il cielo, il volo dei passeri, il caldo e il freddo e fa un disegno fatto di nulla come una bolla d'aria che vola lontano.