Sonate per clavicembalo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 20 ottobre 2017
  • EAN: 8007194106138
Salvato in 1 lista dei desideri
Giovanni Battista Sammartini, principale esponente della scuola strumentale milanese del pieno Settecento, è non soltanto figura di riferimento per i musicisti locali ma gode di fama internazionale; è il «personaggio più europeo di questa stagione milanese» (G. Pestelli, 1982). Perciò una figura di snodo in un’epoca complessa, testimone e fautore di quelle metamorfosi stilistiche e formali che segnano la graduale transizione da un lessico tardobarocco, fortemente influenzato dalla scuola violinistica coeva, fino a un maturo stile galante che anticipa tratti di classicismo e che rivela una raggiunta compiutezza idiomatica. La pluripremiata clavicembalista Susanna Piolanti esegue questa inedita collezione di sonate edite per lo più a Londra nel corso del Settecento, nel quale la ricerca e il consolidamento di un nuovo linguaggio non ha mai fine: «Farò, farò, ma il cembalo m’ammazza», risponde va un anziano Sammartini alle richieste dei committenti. In fondo il lavoro di un compositore inizia quasi sempre proprio da lì: dalla tastiera.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giovanni Battista Sammartini Cover

    Compositore. Trascorse tutta la sua vita a Milano; fu compositore ufficiale di molte pubbliche manifestazioni, organista e maestro di cappella di varie chiese, e si adoperò per la divulgazione della musica strumentale. Dal 1737 al '41 ebbe come allievo Ch.W. Gluck. Principale esponente di quella scuola milanese che si distinse specialmente nel campo della sinfonia, S. occupa un posto particolare nel quadro della civiltà preclassica, per la ricchezza inventiva e la concisione del suo stile sinfonico, che rivela un graduale ma deciso superamento dei modi tardobarocchi. Ormai assodata è l'influenza da lui esercitata su Gluck e su Boccherini, mentre più sfumata e indiretta fu quella su Haydn e Mozart, nel giudizio dei quali lo stile sinfonico di S. veniva a confrontarsi con quello della scuola... Approfondisci
Note legali