Sonate per gravicembalo, Londra 1739

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Concerto
Data di pubblicazione: 30 novembre 2010
  • EAN: 8012665206224
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 24,56

€ 28,90
(-15%)

Punti Premium: 25

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 28,90 €)


Secondo gli studiosi, nell'ambito di tutta la produzione musicale di Giovanni Battista, l'opera clavicembalistica risulterebbe quella di maggior pregio, soprattutto dal punto di vista dell'innovazione stilistica. Oltre a sei Sonate per Clavicembalo conservate ancora manoscritte, sono arrivate fino ai giorni nostri le Sonate per Gravicembalo, pubblicate a Londra nel 1739, oggetto di questa registrazione. Si tratta di composizioni che possono collocarsi in area di transizione tra stile barocco e stile galante, generalmente concepite in numero variabile di movimenti che, dal carattere contrastante, variano da due a quattro. Tra i tratti salienti che contraddistinguono felicemente la musica di Pescetti, possiamo sicuramente sottolineare la chiarezza espositiva, l'eleganza, l'essenzialità, l'ispirazione di breve gittata ma incisiva, oltre alla non comune spontaneità e fluidità di linguaggio. Queste Sonate per Gravicembalo rappresentano, quindi, un fulgido esempio della Musica italiana del Settecento, sotto l'aspetto significativo dell'arte intesa come momento di comunicazione di suoni, di immagini, di sensazioni e sentimenti.

  • Giovanni Battista Pescetti Cover

    Compositore, clavicembalista e organista. Allievo di A. Lotti a Venezia e amico di Galuppi, esordì in campo teatrale nel 1725 con Nerone detronato. Nel 1737 fu nominato direttore del Covent Garden di Londra, succedendo al Porpora, e l'anno dopo del King's Theatre. Lasciò l'Inghilterra verso il 1745 in seguito alla reazione anti-cattolica suscitata dalla ribellione giacobita, e nel 1762 ottenne il posto di secondo organista in S. Marco a Venezia. Compose una ventina di opere in uno stile semplice e facile (fra cui Gli Odii delusi dal sangue, 1728, scritta in collaborazione con Galuppi, e Zenobia, 1761), un oratorio, musica sacra, ma si distinse soprattutto in alcune sonate per cembalo e per organo. Approfondisci
Note legali