Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Sonate per pianoforte complete - CD Audio di Alexander Nikolayevich Scriabin,Vladimir Ashkenazy

Sonate per pianoforte complete

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Decca
Data di pubblicazione: 3 febbraio 1998
  • EAN: 0028945296128
Salvato in 4 liste dei desideri
Disco 1
1
1. Allegro con fuoco
2
2.
3
3. Presto
4
4. Funebre
5
1. Andante
6
2. Presto
7
1. Drammatico
8
2. Allegretto
9
3. Andante
10
4. Presto con fuoco
11
1. Andante
12
2. Prestissimo volando
13
Quatre Morceaux, Op.56
14
2 Danses, Op.73
15
2 Poèmes, Op.32
Disco 2
1
Piano Sonata No.5 in F sharp major, Op.53
2
Piano Sonata No.6, Op.62
3
Piano Sonata No.7 ("White Mass"), Op.64
4
Piano Sonata No.8, Op.66
5
Piano Sonata No.9, Op.68 "Black Mass"
6
Piano Sonata No.10, Op.70
7
Quatre Morceaux, Op.51
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alexander Nikolayevich Scriabin Cover

    Compositore e pianista russo.La vita e l'attitudine «visionaria». Allievo, fra altri, di A.S. Taneev e A.S.?Arenskij al conservatorio di Mosca, subì, con la sua sensibilità febbrile e incline a tormentate visioni del mondo, il fascino delle esperienze mistiche ed estatiche del decadentismo letterario russo, in particolare del poeta-filosofo Merezkovskij. Dal 1892, grazie all'appoggio dell'editore Beljaev, intraprese una serie di brillanti tournées in Europa, dedicandosi alla composizione e soggiornando in Svizzera, a Parigi, a Genova e negli usa, ovunque applaudito interprete delle proprie musiche. Nel 1908-10 fu a Bruxelles, dove frequentò circoli esoterici e teosofici; a questo periodo risale il Prometeo (Poema del fuoco), che non è il suo miglior lavoro, ma è certo il più allucinato, nel... Approfondisci
  • Vladimir Ashkenazy Cover

    Pianista russo naturalizzato islandese. Esordì a Mosca nel 1945, studiò quindi con A. Sumbatin fino al 1955, e poi al conservatorio moscovita con L. Oborin. Vincitore nel 1956 del concorso di Bruxelles e nel 1962, ex-aequo con J. Ogdon, del Caikovskij di Mosca, si trasferì in Occidente nel 1963, iniziando da Londra un'intensissima attività di concertista e imponendosi come uno dei maggiori talenti della sua generazione. Nel suo repertorio spiccano le interpretazioni di Mozart, di Beethoven, dell'opera completa di Chopin e di Rachmaninov, delle sonate di Scrjabin, dei concerti di Bartók e Prokof'ev; di tutto rilievo sono anche alcune interpretazioni di Schubert, Schumann e Brahms. Considerevole la sua attività, in duo e in trio, con I. Perlman e con L. Harrell. Dal 1980 si è fatta via via più... Approfondisci
Note legali
Chiudi