Sonate per violino - CD Audio di Carlo Tessarini

Sonate per violino

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Carlo Tessarini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 23 giugno 2014
  • EAN: 5028421947877
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sonate per violino op.3 n.1 "Witvogel", op.1 n.2, op.16 n.3, op.2 n.8 e op.3 n.12 Witvogel; Allettamento da camera in Sol maggiore per violino e clavicembalo op.3 n.2
Carlo Tessarini ricevette la sua educazione musicale a Venezia e con ogni probabilità ebbe anche la possibilità di studiare con Antonio Vivaldi e con Arcangelo Corelli, due compositori che esercitarono un influsso molto evidente sul suo stile. In seguito Tessarini divenne un famoso virtuoso di violino, un talento che gli consentì di fare una serie di trionfali tournée nelle principali capitali europee, in tutto e per tutto degne dei megaconcerti delle rockstar più famose dei giorni nostri. Tessarini morì nel 1766 ad Amsterdam, lasciando una cospicua produzione dedicata soprattutto al violino. Le sonate per violino di Tessarini si collocano nell’ambito della gloriosa tradizione del Barocco italiano, ma ponendo già uno sguardo verso lo stile galante che si sarebbe affermato pienamente verso la fine del XVIII secolo, dando grande enfasi alle tipiche melodie del Belcanto e a strutture chiare e trasparenti. Protagonista di questo disco è Valerio Losito, un eccellente violinista e un musicologo molto preparato, che per la Brilliant Classics ha già registrato uno disco dedicato a Scarlatti e un superbo recital incentrato sulle affascinanti sonorità della viola d’amore.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Carlo Tessarini Cover

    Violinista e compositore. Violinista a Venezia nel 1720, fu poi forse a Brno nel 1737; nel 1738-43 e di nuovo nel 1750-57 è documentata la sua presenza alla cattedrale di Urbino (ove esercitò anche atttività editoriale); dopo il 1743 lo si trova spesso a Parigi e ad Arnhem in Olanda. Stilisticamente vicino a Vivaldi, fu figura eminente tra i violinisti-compositori che nel primo '700 contribuirono a diffondere all'estero le tecniche solistiche e concertanti del violinismo barocco italiano. Pubblicò (tra il 1729 e il '63) 25 raccolte di sonate, concerti, sinfonie a 2, 3, 4 e 5 parti. Vasta fortuna ebbe il suo metodo di violino Gramatica di musica (1741), più volte riedito all'estero. Approfondisci
Note legali