Songs for Distingue Lovers (180 gr.)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Billie Holiday
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Jazz Images
  • EAN: 8437016248133
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 15,90 €)

Il fotografo francese Jean-Pierre Leloir (1931-2010) ha catturato alcune delle immagini più iconiche della vita del jazz in Francia durante gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta. Questa collezione, in edizione limitata, raccoglie alcuni dei migliori album della storia del jazz arricchiti dalle splendide e inedite fotografie di Leloir che ne ritraggono i rispettivi autori. Il biennio 1956-57 è stato un periodo molto impegnativo per Billie Holiday. In quel periodo la cantante era sotto contratto con Norman Granz che, dopo la pubblicazione della sua autobiografia “Lady Sings the Blues”, le organizzò una sessione in studio con Ben Webster al sax tenore, Harry “Sweets” Edison alla tromba, Jimmy Rowles piano, Barney Kessel alla chiatarra, Red Mitchell al basso e Alvin Stoller alla batteria, da cui nacque l’omonimo album. Nel 1957 la cantante si ritrovò nuovamente a registrare con la stessa formazione per dar vita a “Songs For Distingué Lovers”.
Disco 1
1
Day In, Day Out
2
A Foggy Day
3
Stars Fell On Alabama
4
One For My Baby (And One More For The Road)
5
Just One Of Those Things
6
I Didn't Know What Time It Was
7
I Wished On The Moon
  • Billie Holiday Cover

    Propr. Eleonora, detta «Lady Day». Cantante statunitense di jazz. La sua è considerata la più alta espressione vocale della musica nero-americana, per il timbro intenso e struggente, fattosi più scarno e drammatico negli ultimi anni. Impregnato di blues, il suo canto è a volte simile al «sound» di un sassofono, in particolare affine a quello di Lester Young (con cui collaborò spesso). Le prime incisioni sono nel 1935 con l'orchestra di Benny Goodman; poi, fino al '39, cantò con il gruppo del pianista Teddy Wilson e in seguito con importanti jazzisti radunati per lei dall'impresario Norman Granz. Approfondisci
Note legali