Categorie

Joyce Carol Oates

Traduttore: G. Costigliola
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2009
Pagine: 667 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804588269

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anna O.

    05/11/2014 23.52.29

    Sempre grande la Oates non delude mai! Nonostante abbia letto molti suoi libri è talmente brava a delineare le figure dei personaggi che non li confondo tra un libro e l'altro. Betsey e Bix sono descritti magistralmente. La figura che ti entra nel cuore è proprio Skyler che vorresti dargliela tu questa carezza che non gli hanno dato questi genitori arrivisti e squinternati. L'unico appunto che le faccio è che il suo modo di raccontare i fatti ossessivo, ripetitivo, prolisso e tragico a volte mi lascia un po' perplessa la conclusione dei suoi libri quasi sempre troppo precipitosa e con una vena di "happy end".

  • User Icon

    Lei Fang

    28/10/2013 19.05.57

    E' il primo libro della Oates che leggo,e devo dire che non mi ha colpito molto, il metodo di scrittura era molto confusionario, ma la storia era di mio interesse infatti mi sono documentata meglio. Leggerò altri libri della Oates,sperando di trovare un metodo di scrittura più lineare ;)

  • User Icon

    alice

    16/04/2012 15.01.30

    Di nuovo grazie grandissima Joyce!!! Il suo talento "prende in prestito" per questo romanzo un fatto di cronaca nera che ha sconvolto gli Stati Uniti e che rimane un caso irrisolto. Il 26 dicembre 1996, a Boulder, in Colorado, una bambina di sei anni, JonBenet Ramsey, reginetta di bellezza e figlia di un milionario, viene rapita. La madre trova una lettera di riscatto. Poche ore dopo, il cadavere della piccola viene ritrovato in cantina. Strangolata e con segni di violenza sessuale. Questo delitto ha suscitato grandissimo clamore (me ne ricordo ancora, io avevo 10 anni all'epoca) non soltanto perchè i genitori e il fratellino sono stati a lungo sospettati, ma soprattutto per il modo in cui i genitori la facevano sfilare ai concorsi di bellezza: seminuda, truccatissima, ingioiellata, insomma tale e quale al reality show "Toddlers and Tiaras". La Oates racconta della morte e la vita molto simili a quella della Ramsey di Bliss Rampike, campionessa di pattinaggio, narrati dal fratello superstite, Skyler. Un altro romanzo stupendo di una scrittrice stupenda!

  • User Icon

    Brunella

    12/07/2010 16.19.29

    Ho letto tutti i libri della Oates e questo, pur essendo un bel romanzo, non mi ha appassionato più di tanto. Secondo me si è dilungata troppo in certi passaggi e questo a volte mi toglieva l'attenzione. Bello, ma non eccezionale.

  • User Icon

    giudi

    11/01/2010 13.35.12

    J.C.Oates non ha davvero paura di niente...libro forte,tenero,a tratti difficile...uno stile di racconto unico e particolare.Dietro c'è di tutto se si ha voglia di capire altrimenti ci si lascia prendere da personaggi e storia che come sempre ti intrappolano con la forza di una grandissima autrice.

  • User Icon

    Marco

    23/11/2009 10.09.55

    Ricco, originale, ammaliante (e lungo) come tutti i romanzi della Oates. Lo consiglio a tutti gli amanti della scrittrice. Splendido!

  • User Icon

    Barbara

    31/08/2009 13.37.02

    Bellissimo! So che questo giudizio è banale, ma è veritiero. Lo stile narrativo singolare (già accennato in un precedente commento) può anche non piacere; ma io credo che sia quello più adeguato per un diario personale. Di questo si tratta: il diario di Skyler, la sua personale visione della storia. E' possibile anche non provare commozione per la piccola Edna Louise, ma del resto il protagonista è suo fratello Skyler. Io l'ho trovato sincero e toccante. Consiglio a tutti di leggerlo.

  • User Icon

    ilaria

    29/07/2009 19.54.04

    Premetto che adoro la Oates e ho letto molti suoi scritti questo e' pero' uno di quelli (ce ne sono altri)che hanno delle potenzialita'formidabili ma che la scrittrice sembra di proposito non voler sviluppare a pieno. Il romanzo rimane sospeso denuncia ma non decreta la pena,condanna ma non giustizia. un senso insomma d'incompiutezza e uno stile un po' troppo singolare che non ho gradito particolarmente. In piu' conoscevo bene la storia vera a cui s'ispira(jon Benet e' il nome della bimba americana )che all'epoca mi colpi' e mi commosse tantissimo,sentimenti che il libro non mi ha suscitato

  • User Icon

    camilla

    16/07/2009 08.05.46

    Ho trovato magnifico il caotico, prorompente libro fiume in piena della Oates. durissimo e crudele nella sua maledizione di un sistema impazzito, che pretende di "curare" tutto e tutti con i farmaci e la follia dell'obbligo al successo. qualunque cosa per qualunque "successo". attualissimo , come lo sono tutti i grandi romanzi di Oates, questo libro è estremamante commovente e persino tenero nell'accompagnare per mano, con tenerezza, il povero protagonista scrittore, sghembo e depresso ma pieno di intelligenza e di sapienza. malgrado tutto. E, alla fine,il nostro "fratellino" potrà persino , forse, riparare tutte le follie e disperate idiozie della sua perfida famiglia. il libro è enorme e assolutamente perfetto nella scrittura. Un libro bomba , magnifico . la bravura di Oates è davvero incredibile.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione