Categorie

Andrea Camilleri

Collana: La memoria
Anno edizione: 2010
Pagine: 257 p. , Brossura
  • EAN: 9788838925283

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo 61

    09/09/2014 00.47.08

    Una macchina per fare soldi. Ormai il buon Montalbano è ridotto ad una pallida comparsa di se stesso. Quel pizzico di animalesco autocontrollo, quell'usare il cervello andando spesso contro tutto e tutti, nonostante le apparenze, è un sogno ormai tramontato alcuni libri fa. Alcuni sue prime indagini dovrebbero essere materia di studio per le scuole; quelle di adesso sono buone per il gossip. Trame insipide, sceneggiature poco probabili che in televisione sono tenute in piedi da attori bravi e scenografie superbe; con diverse cadute di stile della regia. Ma la maggior caduta è proprio quella di Momtalbano. Alle prese con i pruriti ormonali di un qualsiasi travet dell'indagine, sembra trasformato in un impiegato statale che si divide tra malcelato disprezzo per il superiore, amore cornuto per l'eterna fidanzata, e squallide avventurazze con la bellona di turno. Un po' poco per il mito. Speriamo nel canto del cigno, per ritrovare l'unicità dell'uomo, dello scrittore e del commissario, ciò che rendeva il nostro eroe davvero speciale.

  • User Icon

    Fabio74

    28/05/2014 09.44.05

    Sempre piacevole leggere Camilleri,ritrovare gli amici del commissariato di Vigata,i luoghi e il dialetto siciliani,i personaggi ben descritti,il tutto a creare come sempre una trama ben congegnata che fa di questo romanzo numero 17 della serie Montalbano sicuramente un episodio da non perdere per gli amanti del genere.Ciao a tutti e al prossimo

  • User Icon

    Tiziana

    24/07/2012 19.58.17

    delizioso e godibile come al solito, ma un po' inconsistente come intreccio. la figura di Fazio è sempre più accattivante. così come appassiona la parlata dialettale che ormai riesco anche a capire e quindi a gustare appieno

  • User Icon

    floanna

    02/07/2012 14.12.36

    Ho trovato un Montalbano molto più umano e meno super eroe. Particolarmente bella l'intesa tra l'ispettore e Fazio. L'intreccio non banale.

  • User Icon

    Anna

    10/04/2012 12.21.13

    Quanta stanchezza - stilistica, narrativa, linguistica - in questo episodio di Montalbano. Stanchezza che non può non sfociare in noia. Lontano anni luci dagli esordi del personaggio, sarebbe letterariamente onesto metterlo a riposo.

  • User Icon

    V. Terzi

    04/04/2012 10.39.25

    Scommetto che leggendo alcuni di questi commenti, Montalbano commenterebbe: "Ih! Che camurria!". Domanda per alcuni lettori: che cosa vi aspettavate? Che Montalbano si trasformasse in SuperSalvo con tanto di tutina blu e S rossa sul petto? Che i marziani sbarcassero a Vigata? O cosa? Il bello, per così dire, di Montalbano è proprio che ti ci ritrovi. Un artista va avanti per una vita a riproporre la stessa cosa in salse diverse. Quando cambia, perde il seguito. Chi ha più veramente seguito Dalla dopo il 1983? O Battisti quando ha mollato Mogol? Non io. Mi chiedo se questi lettori hanno mai letto i gialli di Maigret. Anche quelli possono essere tacciati di solita solfa. Se dopo averne letti un paio ti sei saziato, molla lì. Non leggerne dieci per poi dire che sono tutti uguali! Nessuno obbliga chicchessia a prendere ogni mattina cappuccino e brioche. Ma chi lo fa, non si lamenti se ha sempre lo stesso sapore. Personalmente, nelle prime 30 pagine di questo libro ho riso come non mi capitava da tempo. E questo è già qualcosa. Poi la storia si è lasciata leggere. Né più né meno rispetto a quelle precedenti. Fosse uscita dieci anni fa, avrebbe ricevuto commenti entusiasti. Sulla senilità incipiente del commissario, che dire? Ci sta tutta. Sul fatto che secondo alcuni dovrebbe mollare Livia, che dire? Che certi lettori non conoscono il significato della parola "abitudine" e l'importanza che può avere a una certa età. Certo, il comportamento del commissario è censurabile. Ma quando mai è stato un puro? E perdere i colpi è normale. È un uomo. Per i supereroi, si rimanda ai fumetti. Tutto ciò premesso, il libro è assolutamente godibile. Ha tutti gli elementi di quelli che l'hanno preceduto. Si legge bene e volentieri. Il lettore in cerca dell'esperienza diversa è quindi avvisato. Do il massimo dei voti, non perché magari lo meriti (un 4 sarebbe stato più corretto), ma per compensare giudizi inutilmente e gratuitamente negativi.

  • User Icon

    TG

    18/09/2011 22.51.18

    Non dò questa volta il massimo giudizio al libro poichè non è ai livelli dei precedenti. Specialmente per tutte quelle citazioni riguardanti scritti storici che dopo un po' mi hanno stancato.

  • User Icon

    Pino Chisari

    28/04/2011 09.23.21

    Montalbano comincia ad essere vecchio e stanco e Camilleri lo sta uccidendo a poco a poco. E' chiaro che, fosse per lui, sarebbe in pensione da un pezzo... Ma le leggi del mercato editoriale sono contrarie all'eutanasia, è cosa nota. Migliore, in ogni caso delle ultime uscite del commissario di Vigata. Leggibile.

  • User Icon

    Maunakea

    26/03/2011 10.06.59

    Un Montalbano sotto tono, un pò fiacco come trama, a livello di racconto dei personaggi, ha finalmente inserito un pò più di realismo nel tratteggiare il commissario, adesso è un personaggio più vero e normale di prima (evito spoiler volutamente), ma a livello di trama ci siamo molto poco, poco avvincente e abbastanza intuibile fino da metà libro. Ci ha abituato a meglio, è questo il problema.

  • User Icon

    pasquale

    10/03/2011 18.48.57

    Un altra chicca del grande Camilleri. Voto max 5

  • User Icon

    fifì

    22/02/2011 23.13.07

    Camilleri non lo perdo mai, ormai è una dipendenza anche quando come in questo caso sento qualche scricchiolio nella trama. Il grande vecchio resta sempre un grande vecchio.

  • User Icon

    Alessandro

    17/02/2011 00.03.05

    Io l'ho trovato carino, scorrevole certo la trama non è gran che ma insomma, si lascia leggere.

  • User Icon

    Mauro

    06/02/2011 20.36.01

    Camilleri è ormai stanco del personaggio Montalbano e si ripete in una noiosa sequenza di problematiche come il tradimento, la passione per donne più giovani, il rapporto con Livia. Anche la trama non è più avvincente come era nei primi racconti. Montalbano ha perso smalto, forse sarebbe il caso di studiare una grande uscita di scena.

  • User Icon

    Donatella

    29/01/2011 16.14.11

    Deludente, ripetitivo,per niente avvincente. Aspettiamo il prossimo.

  • User Icon

    barbara

    23/01/2011 10.59.49

    adoro le avventure del commissario montalbano in genere il libro lo leggo in una giornata - un po' di parte come giudizio ma ogni volta che leggo il personaggio di Catarella impazzisco della gioia -

  • User Icon

    Giovanna

    22/01/2011 17.37.45

    Banale, prevedibile e ripetitivo tutto il libro parlava di cose già scritte.

  • User Icon

    Marco

    21/01/2011 19.19.42

    Forse Camilleri in una cosa ha sbagliato: ha fatto invecchiare Montalbano troppo in fretta nei primi libri, e adesso si trova da un lato a dover soddisfare la richiesta di lettori (ed editore), e d'altro canto è costretto a lavorare su un personaggio per il quale lo "spazio di manovra" si è ormai ridotto ai minimi termini. Meglio sarebbe una conclusione "alla grande", che chiuda questa sorta di saga e consegni definitivamente il Commissario alla storia, piuttosto che trascinare in puro stile "soap opera" le solite situazioni, le solite "gag", i soliti problemi sentimentali, che hanno ormai il sentore del "già letto" in precedenza. Montalbano, a torto o a ragione, rimane uno dei fenomeni letterari (e televisivi) dei nostri anni, ma credo che sia giunto il momento di mettere la parola "fine" al servizio di questo simpatico ma poco credibile poliziotto (magari anche semplicemente mandandolo in pensione...).

  • User Icon

    lucia

    20/01/2011 17.06.48

    Dalla lettura dei commenti precedenti si evince chiaramente che i lettori storici di Camilleri sono delusi dall'andazzo e soprattutto dalla ripetitività che le storie di Montalbano stanno prendendo. Al contrario coloro che si sono avvicinati da poco alle vicende del commissario di Vigata ne sono affascinati e l'entusiasmo per la genialità dello scrittore siciliano traspare chiaramente dai loro commenti. Che dire? Io posso definirmi lettrice storica di Camilleri avendoli letti se non tutti quasi tutti...e anche se noto qualche giro a vuoto e qualche ripetizione di troppo non mi sento di stroncare un bel nulla e non mi va nemmeno di dire che è colpa dello scrivere troppo e che ormai Camilleri sforna libri come fossero panini perchè sapere che c'è un nuovo libro in uscita mi riempie di gioia e leggere una nuova avventura di Montalbano significa impiegare il tempo piacevolmente...come da bambini con Topolino & Co! Se un appunto posso fare al Maestro sulle vicende del nostro commissario riguarda un'incoerenza che non mi piace tanto...il rapporto con Livia è finito, ormai l'ha tradita 3 volte, la deve lasciare! L'eroe moderno che rappresenta, pur con tutte le sue fragilità, non può permettersi queste ipocrisie!

  • User Icon

    lucianocomida

    15/01/2011 11.38.49

    Tra alti e bassi, avevo letto tutti i "Montalbano". Ma questo romanzo è indifendibile e non sono nemmeno riuscito a finirlo. Ogni cosa, ogni descrizione, ogni battuta, ogni situazione, ogni gag, ogni misterino è già visto e rivisto e stravisto e strarivisto.

  • User Icon

    gianna

    03/01/2011 23.49.47

    qualcuno l ha gia scritto nelle recensioni precedenti a questa .........BASTA CAMILLERI ! FACCIA CAMBIARE QUALCOSA NELLA VITA DI MONTALBANO...ormai solo crisi d andropausa...pruditè con ragazze giovani e belle ....litigi sempre uguali con Lidia .........uFFA ! e poi non ha anocra 60 anni e si lamenta come un ottantenne.............se continuano cosi non comprerò piu i libri ma lileggero in biblioteca perchè non mi paiono tali da essere conservati vicino ai primi libri della serie.........peccato MA SERVE UNA SVOLTA DRASTICA !! e anche Catarella con i suoi erori sui cognomi .......è ormai monotono e solo una macchietta un po triste e patetica !!

Vedi tutte le 44 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione