Traduttore: N. Vallorani
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 giugno 2018
Pagine: 176 p.
  • EAN: 9788804700944
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Alla radice di questo romanzo, pubblicato nel 1958 e subito processato per oscenità, c'è una vicenda reale, la storia d'amore vissuta da Kerouac con una ragazza di colore, che in queste pagine rivive come in una confessione tanto difficile quanto liberatoria. Al centro, la figura di Mardou, sensuale, fascinosa, attorno alla quale gira, ossessivamente, la vita dell'amante, e la città stessa (New York nella realtà, San Francisco nella finzione letteraria): una città onirica, cupa, frenetica, piena di alcol, di droghe, di sesso, di arte e di vita. Ma soprattutto, ciò che emerge dalla lettura de I sotterranei , è la rivoluzionaria lingua di Kerouac, fatta di «ondate spontanee e prive di revisioni, rapide, mozzafiato, come il jazz».

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristina

    19/09/2018 14:44:46

    Capolavoro della Beat Generation e della prosodia bop! Frenetico e incessante flusso di scrittura autentica (è proprio così che l'autore descrisse la stesura dell'opera), racconta la storia d'amore brevissima eppure intensa tra lo stesso Kerouac e una giovane donna afro-americana con presunti problemi psichiatrici in un contesto tanto difficile quanto affascinante, ovvero San Francisco negli anni '50. C'è Freud, c'è il jazz, c'è Yeats, c'è lo Zen.....un condensato del mondo beat in poco più di 100 pagine da divorare.

  • User Icon

    Carmine

    24/06/2013 07:46:19

    Rispetto al capolavoro "on the road", in quest'opera Kerouac descrive con un ritmo superfrenetico ed estremistico una storia d'amore(priva di oscenità) finita male. Bisogna ammettere che stare indietro alla prosa è faticoso, come immergersi tutto di un fiato in una serie di parole e riemergendo non sempre hai capito il senso. I contenuti si immergono nella cacofonia e non c'è mai intensità..è fredda come opera. Sinceramente deluso.

Scrivi una recensione