Categorie

Annalisa Strada

Editore: Giunti Editore
Collana: Extra
Anno edizione: 2014
Pagine: 160 p. , Brossura

Età di lettura: Da 13 anni.

Scopri tutti i libri per bambini e ragazzi

  • EAN: 9788809790087
  Il premio Andersen è il più importante premio italiano per l'editoria dei ragazzi. I vincitori vengono proclamati durante la fiera dei libri per ragazzi di Bologna e sono suddivisi in diverse sezioni: libri 0-6 anni, 6-9 anni, 9-12 anni, oltre i 12 anni, oltre i 15 anni, albi illustrati, narrativa, divulgazione. Vengono inoltre premiati autori e illustratori per la loro produzione complessiva. Una sottile linea rosa ha vinto il premio nella sezione "oltre i 15 anni", che non è, in genere, la mia sezione preferita. Negli ultimi anni, infatti, il mercato editoriale ha incrementato vertiginosamente la produzione di libri rivolti ai teenager, nella convinzione che lo spazio da conquistare fosse infinito e il terreno vergine. Con le evidenti inevitabili eccezioni, eccezioni anche molto felici, si sono affollati i ripiani delle librerie con testi di modestissimo interesse, operazioni di marketing senza grande spessore. Eppure, per fortuna, a volte avviene il miracolo, e un'autrice nota e brava ma che non si era mai rivolta a lettori di quest'età scrive un libro veramente bello. Completo, equilibrato, interessante, divertente. Evitando con una leggerezza e una bravura rare tutti i trabocchetti, passando indenne nelle strettoie, ponendo problemi senza pretendere di dare risposte univoche, descrivendo il mondo come è, ricco di cose e di persone ma anche imperfetto. Senza moralismi ma con grandissimo senso di responsabilità, la responsabilità dell'autore nei confronti dei suoi lettori. Perla, la protagonista di Una sottile linea rosa, ha sedici anni, una grande passione per la corsa, una mamma glaciale che non sbaglia mai, un padre in fuga, due sorelline gemelle, una zia (e un fidanzato della zia) "non male", una migliore amica inseparabile. E un test di gravidanza tra le mani. È rimasta incinta dopo un unico, fortuito, rapido e non così soddisfacente incontro con il bel Cesare, da sempre nei suoi pensieri e altrettanto da sempre impegnato. È una ragazza intelligente, normalmente assai assennata: ma si è distratta un'unica volta ed è stata sfortunata. Cosa fare? Con chi parlare? Dirlo o non dirlo a Cesare? Strada riesce a raccontare i dubbi e le paure di Perla senza dimenticare il mondo intorno a lei, gli amori dell'amica, le uscite, le liti familiari, le risate, i negozi e i gelati. Lo fa scrivendo in prima persona e utilizzando un linguaggio diretto e vero, senza giovanilismi stupidi e senza censure inutili. Lo fa, soprattutto, senza l'ansia di insegnare e correggere, senza il bisogno di dare risposte indiscutibili: un libro raro, scritto benissimo, da leggere. Sara Marconi

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Julia

    22/09/2015 14.27.21

    Complimenti all'autrice, che è riuscita a rendere leggera e a tratti divertente una storia piuttosto pesante e angosciante. Molto bello anche il finale aperto, con una decisione presa ma sconosciuta, che lascia molto spazio alle riflessioni personali. Ironico e spietato.

  • User Icon

    Melania

    11/05/2014 00.44.17

    Finito in meno di 24 ore questo delicato romanzo della mia concittadina Annalisa Strada, "Una sottile linea rosa", finalista al Premio Andersen 2014. Annalisa riesce ad affrontare, con un tocco lieve, i drammatici dubbi e l'angoscia di una sedicenne rimasta incinta per un rapporto occasionale. Ben caratterizzati i personaggi e l'ambientazione famigliare. Questo romanzo mi resterà dentro a lungo. Mi chiedo quante saranno le ragazzine (magari anche più giovani della sedicenne protagonista) e le mamme che leggendolo si saranno identificate in questa storia.

Scrivi una recensione