Soul Brothers - Vinile LP di Ray Charles,Milt Jackson

Soul Brothers

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Panam Records
Data di pubblicazione: 25 marzo 2016
  • EAN: 8436539313410

€ 28,90

Punti Premium: 29

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo LP presenta il sensazionale quarto album in studio di Ray Charles, registrato con il vibrafonista del Modern Jazz Quartet, Milt Jackson, e pubblicato dalla Atlantic Records nel 1958: “Soul Brothers”. Nel 1957, Ray Charles non aveva ancora raggiunto la fama che lo ha reso un'icona di soul e R & B, e appariva in una varietà di contesti. Milt Jackson era ben noto grazie al Modern Jazz Quartet, ma qui si è possibile apprezzarlo in un contesto diverso. Tra l’altro in questa sessione Jackson si esibisce anche il pianoforte, mentre Charles si esibisce anche al sassofono. “How Long Blues” rimane l'esempio più significativo di Ray Charles al sassofono. Soul Brothers è un bel mix di jazz e R & B, che dà ampia prova delle capacità di Charles come improvvisatore. Questo album è una grande introduzione al jazz classico degli anni Cinquanta, ma è anche altamente raccomandato per scoprire un altro lato del genio di Ray Charles. Oltre al capolavoro originale, questa nuova edizione contiene anche 2 bonus track della stessa sessione che non sono state incluse nell’ LP originale: “Bags Of Blues” e “’Deed I Do”.
Disco 1
1
Soul Brothers
2
How Long Blues
3
Bags Of Blues
4
Cosmic Ray
5
Blue Funk
6
Bags’ Guitar Blues
7
‘Deed I Do
  • Ray Charles Cover

    Propr. Raymond Robinson Charles. Cantante statunitense. Cieco, suonava pianoforte, organo e sax alto. Interpretò blues, poi si orientò verso la soul music, mescolando il blues e il gospel, ma registrò anche con noti jazzisti. Approfondisci
  • Milt Jackson Cover

    Vibrafonista statunitense di jazz. Ha rinnovato la tecnica dello strumento rispetto al suo precursore Lionel Hampton, conferendo al vibrafono una sonorità più asciutta e metallica e inserendolo nel contesto del bop. Suonò tra l'altro nel complesso di Dizzy Gillespie (1945), nel Mod­ern Jazz Quartet fin dalla fondazione (1952), con ­Miles Davis, Ray Charles, Oscar Peterson, Coleman Hawkins. Come vibrafonista è da considerare un vero caposcuola. Incise anche saltuariamente come pianista. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali