La spada della verità. Vol. 3 - Terry Goodkind - copertina

La spada della verità. Vol. 3

Terry Goodkind

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: N. Gianni
Editore: Fanucci
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 612 p., Brossura
  • EAN: 9788834712146
Salvato in 24 liste dei desideri

€ 16,90

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 16,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Richard ha deciso di raggiungere l'amata Kahlan, regina della Galea, che sta tornando verso Ebinissia con l'intenzione di ricostruirla per poi governare la sua nuova patria. I piani di Richard vengono però sconvolti dall'entrata in scena di due temibili nemici, alleati tra loro, si tratta dell'Ordine Imperiale, l'esercito guidato dal misterioso Jagang, che vuole sottomettere il mondo intero, e della Stirpe dei fedeli condotta dal generale Tobias Brogan, un uomo che odia la magia al punto di volerla estirpare per sempre, poiché la considera il mezzo con il quale il Guardiano del mondo sotterraneo influenza il mondo dei vivi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,2
di 5
Totale 5
5
2
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Melania

    09/03/2019 23:43:41

    Il terzo libro della saga mette in campo due entità negative: l'Ordine Imperiale e la Stirpe dei Fedeli. La magia e il mondo intero sono in serio pericolo. Richard coadiuvato da vecchi e nuovi alleati dovrà tentare di porre rimedio all'escalation di follia e ingiustizia che incontrerà sul suo cammino. La narrazione in alcuni tratti è lenta e poco incisiva. La caratterizzazione dei personaggi già conosciuti è adeguatamente approfondita. Gli eventi narrati in questo volume sono un perfetto anello di congiunzione tra il precedente e il successivo.

  • User Icon

    Alessandro

    22/02/2018 19:32:52

    Fino ad ora ho letto i primi otto libri della saga e questo è stato senz’altro il migliore. Intrigante, avvincente, divertente! Dalle prime pagine fino alla bellissima scena finale. La piaga degli eventi mi piace sempre di più, in particolare lo sviluppo del personaggio di Richard e sopratutto il suo rapporto con le Mord-Sith. L’unica cosa per cui rimango allibito è come Goodkind massacri l’istituzione dei Re. Tale carica non può essere assegnata così, per puro caso, si è Re per diritto di nascita e di sangue, altrimenti perderebbe di significato e autorità. Non so perché ma in molti libri pubblicati dalla Fanucci la percezione del potere è alquanto surreale. Nonostante il suo ruolo possa sembrare più ridotto Zedd rimane uno degli elementi migliori, le sue avventure sono appassionanti quanto quelle del nipote e non mancano di un certo umorismo. Verna e Ann rivestiranno un ruolo più rilevante, anche se continueranno a non piacermi per niente, proprio come al contrario continuo ad adorare Nathan. Leggendo mi è venuto un dubbio: perché le Sorelle dell’Oscurità che hanno viaggiato con Verna cercando Richard non l’hanno uccisa? Oltre queste ci sono molti altri personaggi, vecchi e nuovi. Fa la sua comparsa Jagang, capo dell’Ordine Imperiale e nuovo antagonista, anche se forse è troppo presto per giudicarlo. Lui e i suoi seguaci sono dei folli, che nei loro ideali di uguaglianza estremizzata hanno molto dell’ideologia comunista. Il loro nome però mi sembra politicamente scorretto. Altri nemici del libro sono Tobias, uno dei più spregevoli e ipocriti, e il suo esercito, la Stirpe dei Fedeli, dei fanatici che nonostante le parole sono mossi dallo stesso movente dell’Ordine Imperiale: la gelosia. La regola del mago è terribilmente vera, non andrebbe sottovalutata. Forse mi sbaglio ma credo che lord Rahl sia un titolo molto più importante e influente rispetto a quello del Cercatore, che anche nella sua epoca d’oro non era altro che il galoppino di maghi e depositarie

  • User Icon

    vale

    16/11/2013 20:46:02

    La storia è interessante e intrigante come il secondo libro ma secondo me poteva benissimo essere ridotta di un bel po' di pagine in cui i protagonisti ripetono a tutti i loro interlocutori i loro ideali...pagine e pagine giusto per essere sicuri che il lettore abbia afferrato bene il concetto! E alla fine inoltre c'è un po' un'accozzaglia di mostri che mi è sembrata un po' forzata , giusto per dare un po' di azione ad una storia che dava la prevalenza alle riflessioni. Comunque rivelazioni e colpi di scena si alternano ai capitoli più noiosi per cui nel complesso mi è piaciuto. Avanti con il quarto...

  • User Icon

    agne

    14/10/2013 18:31:41

    Avvincente come i primi due libri...una saga che affascina...consigliatissimo!!!!

  • User Icon

    Enrico

    11/05/2011 11:52:54

    Terzo capitolo della saga, come i primi due il libro risulta essere avvincente e ricco di colpi di scena, lato positivo, mancano quelle parti forse troppo descritive che nel secondo capitolo ne rallentavano la lettura a discapito della trama, lato negativo, nella parte finale c'è una parte che sembra essere tratta da un omonimo famoso film di fantascienza degli anna ottanta. Comunque bravo terry, ora inizio il quarto!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali