Categorie

R. A. Salvatore

Traduttore: A. Guarnieri
Editore: Armenia
Collana: Fantasy
Anno edizione: 2001
Pagine: 574 p. , Brossura
  • EAN: 9788834413067

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nafai

    10/01/2007 17.03.11

    L'unico libro fantasy che ho mollato a metà. Con questo libro, Salvatore delude davvero: colpi di scena scontati, battaglie lunghe 30 pagine in cui i personaggi non fanno altro che menare la spada o far esplodere pietre magiche, discorsi patetici. Con questa sua trilogia del demone, Salvatore ha preso uno dei suoi personaggi più carismatici, Drizzt Do'Urden, e gli ha fatto cambiare razza e mondo trasformandolo nel protagonista Elbryan, per poi sbatterlo nella solita assurda guerra per la salvaguardia del regno. Assolutamente da evitare.

  • User Icon

    Fiz

    05/11/2006 14.46.51

    Certo Salvatore non può creare un libro pessimo, ma con questo ci è andato vicino! Il primo volume della collana mostrava come nascevano degli eroi e la loro avventura; era un libro esaltante. Ma questo secondo volume è noioso e ripetitivo: ha voluto scrivere più cose di quante ne avesse in mente. Ma perlomeno dopo 450pagine di combattimenti molto simili e discussioni tra frati interrotti ogni tanto da qualche colpo di scena un po' scontato, arriva un finale col botto, degno dell'uomo che l'ha scritto.Noterete leggendolo che le ultime 150pagine si leggono in un decimo del tempo del resto del libro. Io preferisco i ForgottenRealms, ma per gli amanti di avventure relativamente tranquille e un po' politiche questo libro è un buon volume.

  • User Icon

    Maurilio

    05/08/2005 15.43.40

    Leggermente migliore rispetto al primo volume della trilogia, anche se rimane un senso di pesantezza generale nella trama, è decisamente troppo lungo, molti avvenimenti sono stati aggiunti di proposito per "allungare il brodo". Alcuni personaggi sono ben riusciti, tipo il Padre Abate Markwart, odioso e stupido al punto giusto, altri sono quasi inutili, tipo Roger Lockless. La parte finale, l'Epilogo, è palesemente assurda, in pratica il Maestro Jojonah si "suicida" senza un motivo plausibile, avrebbe potuto tranquillamente rimanersene con i "buoni" e invece se ne torna nelle fauci del lupo. Ma perchè bisogna sempre trovare un personaggio che si immola per la causa??? Speriamo che l'ultimo volume sia meno pesante, ma ci credo poco.

Scrivi una recensione