La sposa troppo bella di Pierre Gaspard-Huit - DVD

La sposa troppo bella

La mariée est trop belle

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: La mariée est trop belle
Paese: Francia
Anno: 1956
Supporto: DVD
Salvato in 1 lista dei desideri
Una giovane di provincia viene lanciata come modella, con il nome di Chouchou, da Judith, editor di una famosa rivista di moda parigina. Chouchou durante un servizio fotografico di innamora di Micheal, il fidanzato di Judith, che però la tratta come una figlia. Per provocare la sua gelosia, Chouchou si fa vedere in giro in compagnia di un modello. La sua strategia funzionerà.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: DNA, 2013
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Francese (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2
  • Brigitte Bardot Cover

    Attrice francese. Di agiata famiglia borghese, studia danza e recitazione e a quindici anni posa per la copertina di «Elle», una delle più diffuse riviste femminili francesi. Non ancora diciottenne ha una piccola parte nel film Le trou normand (Il buco normanno, 1952) di J. Boyer e poi viene lanciata da M. Allégret in Ragazze folli (1954) e Miss spogliarello (1956). Nel frattempo sposa R. Vadim che la consacra sex-symbol con Piace a troppi (1956). «B.B.», come viene chiamata da quel momento, diventa la nuova versione della donna bambina, dal corpo provocante e dalle labbra perennemente imbronciate, in bilico tra l’audacia e l’innocenza. In poco tempo raggiunge altissimi livelli di popolarità, tanto che le viene dedicata anche una samba brasiliana che fa ballare tutto il mondo. Tra gli altri... Approfondisci
  • Micheline Presle Cover

    "Nome d'arte di M. Chassagne, attrice francese. Interprete dal duplice registro, brillante (Ragazze in pericolo, 1938, di G.W. Pabst) e romantico (Il paradiso perduto, 1938, di A. Gance; La signora delle camelie, 1952, di R. Bernard), dà piena espressione alle sue doti con La notte fantastica (1942) di M. L’Herbier, Ribellione (1945) di Christian-Jaque e soprattutto Il diavolo in corpo (1947) di C. Autant-Lara, film che le fanno guadagnare discreta, ma effimera popolarità. Assai interessante, in seguito, la sua partecipazione a un film di J. Losey (L’inchiesta dell’ispettore Morgan, 1959) e a uno di E. Petri (L’assassino, 1961). Ha recitato anche, con successo, in teatro." Approfondisci
  • Louis Jourdan Cover

    Nome d'arte di L. Gendre, attore francese. Dopo la formazione all’École Dramatique di Parigi debutta sullo schermo alla fine degli anni ’30 interpretando personaggi arditi, affascinanti e raffinati – come il poeta Rodolfo innamorato dell’operaia che fabbrica fiori artificiali di La Bohème (1942) di M. L’Herbier – in numerose commedie romantiche e drammi francesi. Dopo la guerra – che interrompe temporaneamente la sua carriera – viene convinto dal produttore D.O. Selznick a trasferirsi a Hollywood per apparire nei panni del cameriere ex amante della protagonista nel melodramma giudiziario di A. Hitchcock Il caso Paradine (1947). Negli Stati Uniti recita, spesso in ruoli principali, in numerosi film: nel melodramma di M. Ophüls Lettera da una sconosciuta (1948) è il pianista che, la notte prima... Approfondisci
Note legali