Le stagioni di Giacomo - Mario Rigoni Stern - copertina

Le stagioni di Giacomo

Mario Rigoni Stern

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 maggio 2006
  • EAN: 9788806181758
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,13

€ 9,50

5 punti Premium

Nuovo - attualmente non disponibile

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una piccola comunità dell'altipiano di Asiago esce stremata dalla Grande Guerra: ovunque macerie, povertà, disoccupazione. Chi non emigra ha davanti a sé un solo, pericoloso mestiere, quello del "recuperante": battere la montagna alla ricerca di residui bellici da rivendere ai grossisti di metalli per pochi centesimi. Giacomo, il protagonista del romanzo, impara il mestiere fin da bambino, al seguito del padre. Nel silenzio dei monti, impara a dialogare con i soldati scomparsi, ma anche a conoscere e decifrare il linguaggio segreto di piante e animali.
4,67
di 5
Totale 3
5
2
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    OskarSchell

    07/05/2009 12:09:19

    Un libro delicato e atroce allo stesso tempo. Molto bello davvero.

  • User Icon

    zombie49

    16/10/2008 07:02:43

    L’adolescenza di un ragazzo sull’altipiano di Asiago negli anni durissimi fra le due guerre mondiali: la miseria dignitosa, la fame, la vita semplice nelle malghe, gli emigranti, i ricordi sempre pressanti della guerra appena finita, il fascismo, il duro lavoro dei recuperanti, uomini e ragazzi che x guadagnare l’indispensabile x la sopravvivenza quotidiana scavavano nelle trincee e rivendevano residuati bellici, trovando spesso le ossa dei soldati caduti là nei combattimenti, accomunati nella morte senza più distinzione di nazionalità. E’ il racconto che avrebbero potuto fare i nostri nonni o padri, un racconto duro, lontano dalla retorica militarista e al di sopra delle parti, e pure carico di commozione e poesia. E’ il ricordo dei soldati e dei poveri, vittime di tutte le guerre, che hanno pagato sulla loro pelle l’ambizione dei potenti. Solo Remarque, un grande scrittore purtroppo ormai quasi dimenticato, ha saputo descrivere con uguale sensibilità quel periodo storico.

  • User Icon

    joeberryn

    16/10/2007 00:18:11

    Che bel libro davvero! Pulito, cristallino. E' proprio una bella emozione leggerlo.

  • Mario Rigoni Stern Cover

    Scrittore italiano. Esordì con Il sergente nella neve (1953), una delle più notevoli testimonianze letterarie della seconda guerra mondiale, alla quale l’autore partecipò con gli alpini sul fronte russo. Dopo anni di silenzio Rrigoni Stern è tornato alla narrativa con i racconti Il bosco degli urogalli (1962) e i romanzi La guerra della naia alpina (1967), Quota Albania (1967), Ritorno sul Don (1973), Storia di Tönle (1978, premio Campiello), emblematica biografia di un solitario montanaro durante la grande guerra, uno dei suoi esiti più alti. Successivamente, accanto a nuovi romanzi, L’anno della vittoria (1985) e Amore di confine (1986), lo scrittore ha pubblicato diverse opere che testimoniano di una sua crescente adesione al mondo della... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali