Star Wars. Il risveglio della Forza

(Star Wars. The Force Awakens)

Titolo originale: Star Wars. The Force Awakens
Regia: J.J. Abrams
Paese: Stati Uniti
Anno: 2015
Supporto: DVD

10° nella classifica Bestseller di IBS Film - Fantasy e fantascienza - Fantascienza

Disponibile anche in altri formati:

€ 19,99

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 4 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Il sequel più atteso di sempre è un remake sotto mentite spoglie. Il fan è soddisfatto, ma le emozioni non sono più le stesse

Trama
Luke Skywalker è scomparso. La mappa con il luogo in cui si è nascosto suscita l'attenzione di molti: di Primo Ordine, organizzazione paramilitare che si richiama all'Impero Galattico cercando di restaurarne l'autorità, e della Resistenza, gruppo di repubblicani decisi a contrastare l'autoritarismo di Primo Ordine. Quando Kylo Ren, malvagia pantomima di Darth Vader, scopre che la mappa si trova all'interno di un droide, si scatena una caccia all'uomo senza tregua, che coinvolgerà Finn, uno Stormtrooper che ha deciso di non uccidere, e Rey, una ragazza che vive rivendendo cianfrusaglie recuperate da astronavi.


Abbiamo passato mesi nel terrore che JJ Abrams e la Disney potessero dare il colpo di grazia alla saga di Star Wars. Ma come succede dopo un grande spavento, non siamo mai stati tanto felici di sbagliarci. Più di così il regista non poteva fare nel settimo capitolo Il Risveglio della Forza, riuscendo a conferire un’atmosfera e un’estetica perfette: come negli originali ma con campi ancora più lunghi e inquadrature mozzafiato, frutto della tecnologia un tantino più avanzata rispetto agli anni Settanta.
E come nella nostra realtà, i fatti narrati nell’episodio VII sono sì ambientati una trentina di anni dopo il Ritorno dello Jedi. Formano però una trama talmente simile alla saga originale—parliamo di droidi fondamentali alla buona riuscita della storia, personaggi ignari della Forza che però si ritrovano ad avere capacità Jedi o pianeti distrutti da morti nere—che la definizione più corretta sta a metà tra il sequel e il reboot. Ciò non significa che le scelte di Abrams e dei collaboratori come Lawrence Kasdan siano state poco coraggiose. Anzi, il vero stupore è stato nel constatare la crudezza di alcune scene (molto più che negli episodi figli di Lucas), nonostante si tratti pur sempre di un film della DIsney. Anche di spunti per ridere ce n’è, ma lo humour non scade mai nella banalità delle battute di Obi Wan Kenobi nei prequel.
Veniamo al cast, altro punto decisivo segnato dalla regia. Qui l’equilibrio fra personaggi classici e nuovi si è incastrato perfettamente con la trama, senza mai creare forzature. Harrison Ford potrà sembrare il nonno di Han Solo ormai, ma quando sorride con la bocca storta è ancora perfettamente lui. Specie quando rivede dopo tanto tempo la sua Leia, ora generale delle forze ribelli. Non aspettatevi però di riconoscere molti dei nomi illustri come Andy Serkis (nei panni del Leader Supremo Snoke) e Simon Pegg tanto sbandierati dai tabloid negli ultimi tempi. Ammesso che riusciate a riconoscerli dalla voce in lingua originale, l’attenzione sarà comunque catturata dalle vicende magnetiche di quelli principali—Kylo Ren e il suo dramma esistenziale, la purezza del sentimento fra la giovane Rey e Finn, il trooper che ha deciso di ribellarsi.
Oltre alla Forza, a risvegliarsi saranno anche i milioni di fan della prima trilogia, scontenti per la piega comica intrapresa da Lucas nei prequel (specialmente nell’episodio I, specialmente Jar Jar Binks). L’unico dubbio è se, alla luce di tutti gli episodi e spin off programmati, Star Wars riuscirà a reggere il confronto con questo Episodio VII. L’unica certezza finora è che siamo rientrati in un tunnel da cui non usciremo fino al 2019 o giù di lì. Voto 3,5/5

Recensione di Claudio Biazzetti e Mario Bonaldi

 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Hokuto

    04/10/2017 02:21:28

    Il settimo film è noioso. A differenza degli episodi 2,4,5 e 6. Si lascia ancora guardare, però è noioso. Invece di proseguire la storia con l'innovazione nella tradizione, hanno preferito un maldestro, pacchiano e poco carismatico riciclo di quanto già visto. Qualcuno ha detto che quano si fa qualcosa, bisogna farla con stile o non farla affatto. Ecco, qui lo stile manca proprio e il carisma di vari personaggi è proprio loffio, oltre a non aver motivato a sufficienza lo spazio che hanno nella pellicola. Background troppo debole. Ed è un vero peccato perché alcune buone idee ci sono e il personaggio di Kilo Ren ha un potenziale enorme, ma è stato decisamente mal sfruttato. Se il film non sta bene in piedi da solo, è comunque propedeutico ad un film successivo cui tocca l'onere di raddrizzare le malefatte di regia e sceneggiatura di questo film e sfruttare le belle novità introdotte. Vedendo però come è stata trattata la cicatrice di KR, risolta con i muscoli, non mi lascia per niente sperare sul prossimo film, e mi chiedo come la disney non abbia cacciato a calcioni il regista di ep8, ma questa è un'altra storia.

  • User Icon

    mario farinelli

    02/05/2016 11:28:18

    Noioso come tutti i film della serie. Ma perchè il regista, che ha fatto ottimi film, si ostina in questi remake???

  • User Icon

    Ernesto

    28/04/2016 23:45:07

    È stato bello ritrovare dei vecchi amici.

  • User Icon

    ac

    20/04/2016 22:12:41

    Entusiasmante viaggio in galassie lontane lontane...

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: Walt Disney, 2016
  • Distribuzione: Walt Disney Studios Home Entertainment
  • Durata: 136 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Polacco (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese per non udenti; Greco; Polacco
  • Formato Schermo: 2,40:1
  • Area2