Stato, grande spazio, nomos

Carl Schmitt

Editore: Adelphi
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 5 novembre 2015
Pagine: 527 p., Rilegato
  • EAN: 9788845930287

86° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Filosofia - Filosofia sociale e politica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Molto tempo prima che venisse coniato il semplicistico termine di "globalizzazione", Carl Schmitt aveva visto, con lucidità profetica, come "l'universalismo dell'egemonia anglo-americana" fosse destinato a cancellare ogni distinzione e pluralità spaziale in un "mondo unitario" totalmente amministrato dalla tecnica e dalle strategie economiche transnazionali, e soggetto a una sorta di 'polizia internazionale'. Un mondo spazialmente neutro, senza partizioni e senza contrasti - dunque senza politica. Per Schmitt non il migliore, ma il peggiore dei mondi possibili, sradicato dai suoi fondamenti tellurici. Fedele alla 'justissima tellus', Schmitt persegue invece l'idea che non possa esservi 'Ordnung' (ordinamento) mondiale senza 'Ortung' (localizzazione), cioè senza un'adeguata, differenziata suddivisione dello spazio terrestre. Una suddivisione che superi però l'angustia territoriale dei vecchi Stati nazionali chiusi, per approdare al 'principio dei grandi spazi': l'unico in grado di creare un nuovo 'jus gentium', al cui centro ideale dovrebbe tornare a porsi l'antica terra d'Europa, autentico 'katechon' di fronte all'Anticristo dell'uniformazione planetaria nel segno di un unico "signore del mondo". Certo è che la prospettiva di Schmitt, già delineata ottant'anni fa, appare oggi più attuale che mai, e il suo pensiero si conferma come essenziale per la lettura della nostra epoca.

€ 51,00

€ 60,00

Risparmi € 9,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

51 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Introduzione del curatore dell'edizione italiana
Elenco delle opere di Carl Schmitt citate in forma abbreviata
Il concetto del politico
Sul rapporto tra i concetti di guerra e nemico
L'ordinamento dei grandi spazi nel diritto internazionale con divieto di intervento per potenze straniere. Un contributo sul concetto di impero nel diritto internazionale
Acceleratori involontari ovvero: la problematica dell'emisfero occidentale
Mutamento di struttura del diritto internazionale
Raum e Rom. Sulla fonetica della parola Raum
L'unità del mondo
Il nuovo nomos della terra
Dialogo sul nuovo spazio
Nomos - Presa di possesso - Nome
Clausewitz come pensatore politico. Cenni e osservazioni
Dialogo sul partigiano. Carl Schmitt e Joachim Schickel
La rivoluzione legale mondiale. Plusvalore politico come premio alla legalità e superlegalità giuridica
Epilogo