Traduttore: B. Bertoni
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 4 gennaio 2013
Pagine: 147 p., Brossura
  • EAN: 9788845927577
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Chi è stato Carlos Wieder? Un poeta o un assassino? Un artista o un criminale? Un pilota spericolato che si esibiva in performance di "scrittura aerea" o un autore di snuff movies? E ha veramente arrestato e torturato e ucciso, nei mesi successivi al golpe di Pinochet, decine di persone, per poi esporre le foto dei cadaveri ridotti a brandelli perché convinto della assoluta, gratuita purezza del male - perché solo il dolore è in grado di rivelare la vita, e perché lo scopo della sua è "l'esplorazione dei limiti"? Nulla, sembra ribadire Bolaño, è più sfuggente della verità. Tant'è che, una pagina dopo l'altra, un tassello dopo l'altro - attraverso un accumulo di indizi, molti dei quali di natura squisitamente letteraria, e di storie parallele, alcune tragiche, alcune grottesche, alcune paradossalmente fiabesche (ma tutte, sempre, eccessive, "come il Cile di quegli anni") -, il nostro percorso di avvicinamento a quella che potrebbe essere la verità diventa via via più sdrucciolevole, come se l'autore medesimo ci invitasse a dubitare degli eventi che narra non meno che degli scrittori che cita, delle poesie, delle riviste, dei movimenti letterari a cui allude. Nonché, in definitiva, della esistenza stessa di un uomo chiamato Carlos Wieder.

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    AdrianaT.

    22/03/2017 08:53:49

    C'è qualcosa che mi piace molto nella scrittura di Bolaño, ma c'è anche qualcosa di molto, troppo, caotico. È troppo fitta, troppi personaggi, quell'andare per conto suo. Caratteristica che a me satura un po', e un po' troppo in fretta forse, ma un libro della consistenza di 'Stella distante', a differenza di 2666, e de 'I detective selvaggi, si riesce ancora a leggere senza sudare sette camicie, nonostante l'intrico di personaggi sullo sfondo del golpe di Pinochet. Di poesia si tratta e se ne parla molto qui, e in un modo in cui capisci quanto sia centrale questa passione, attorno alla quale girano stili di vita e di pensiero; scelte politiche e civili. Sempre a caccia di fantasmi, Bolaño, ma questa volta mi è piaciuto proprio poco.

Scrivi una recensione