Categorie

Storia del teatro inglese dalla Restaurazione all'Ottocento (1660-1895)

Paolo Bertinetti

Editore: Einaudi
Anno edizione: 1997
Pagine: 320 p.
  • EAN: 9788806137748
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,80

€ 12,29

€ 14,46

Risparmi € 2,17 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

BERTINETTI, PAOLO, Storia del teatro inglese dalla Restaurazione all'Ottocento (1660-1895

ANZI, ANNA, Storia del teatro inglese dalle origini al 1660
scheda di Vindrola, A., L'Indice 1997, n. 8


Una storia del teatro inglese (il terzo volume, dedicato alla drammaturgia del Novecento, è ancora affidato a Paolo Bertinetti) che si delinea per i primi due testi pubblicati secondo una diversa logica interna. Anna Anzi guarda alle forme teatrali delle origini - drammi liturgici, biblici, interludi e moralità laiche, "mystery" e "morality plays" - e quindi alla grande stagione del teatro elisabettiano dando ampio spazio agli autori e ai generi. D'altra parte l'aspetto letterario della drammaturgia, in particolare negli anni della rivoluzione puritana che portò nel 1642 alla chiusura dei teatri, è di grande importanza, sia perché costituisce un'importante testimonianza storica, sia perché nel periodo di censura gli autori proseguirono il loro lavoro di scrittura, dando anzi origine a un nuovo genere, il "closet drama". In particolare, Anna Anzi cerca di approfondire alcuni generi che hanno ricevuto minore considerazione dalla critica, come il teatro di corte in epoca Stuart o il teatro carolino, che anticipa modi e temi che sbocceranno poi alla riapertura dei teatri, nel 1660. Da questa data riprende il lavoro di Paolo Bertinetti che si prolunga fino alla rivoluzione naturalistica del teatro ottocentesco. È questo un arco di secoli "di grandissimo interesse per le novità riguardanti la sfera teatrale e non letteraria", secoli nei quali in tutta Europa si pongono le basi del teatro moderno. Bertinetti organizza opere e generi secondo una personale "galleria" che mira a essere anche un suggerimento per i teatranti, un riferimento per chi il testo drammatico non deve solo analizzarlo o studiarlo ma farlo rivivere sulla scena.