Storia del teatro moderno e contemporaneo. Vol. 4: Trame per lo spettatore.

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 28 ottobre 2003
Pagine: XIV-849 p., Rilegato
  • EAN: 9788806147549
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 59,40
Descrizione

Il volume conclude la "Storia del teatro moderno e contemporaneo" diretta da Roberto Alonge e Guido Davico Bonino e raccoglie circa milleduecento trame dei testi fondamentali della tradizione teatrale dal Cinquecento ai giorni nostri. Di ognuna di queste opere, oltre a fornire le date di composizione e di prima rappresentazione, si racconta sinteticamente la trama atto per atto. L'opera, cui hanno atteso una quindicina di collaboratori, specialisti delle più disparate lingue e letterature teatrali, è consultabile a vari livelli: per autore, periodi storici, letterature nazionali, generi teatrali.

€ 93,50

€ 110,00

Risparmi € 16,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

94 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Cosa significa, nel linguaggio letterario, la parola «trama»? La sintesi dello svolgimento, sul piano del contenuto, di un'opera narrativa o drammatica. Sin dal 1758 il francese Denis Diderot lodava il talento di certi drammaturghi «nel saper stendere una trama». Ma quest'abilità è costitutiva della stessa arte teatrale: molto presto si cominciò a osservare che l'Edipo re di Sofocle (cioè la piú terribile leggenda che il mito seppe offrirci), databile intorno alla metà del V secolo avanti Cristo, «ha una trama perfetta». E le commedie di Plauto, di due secoli dopo, sono meccanismi impareggiabili di circostanze e incidenti, tenuti insieme dal filo rosso di una vicenda spesso di rara coerenza.Milleduecento circa sono le «trame» di altrettante opere teatrali (commedie, tragedie, sacre rappresentazioni, melodrammi, farse e favole pastorali), che il quarto e ultimo volume della Storia del teatro moderno e contemporaneo raccoglie. Spaziano, quanto a date di stesura, dal Cinquecento ai giorni nostri (ci sono, ad esempio, gli intrecci di opere di giovani drammaturghi, italiani e stranieri): e, come aree culturali, su tutta Europa e nell'America del Nord.L'opera, cui hanno atteso una quindicina di collaboratori, specialisti delle piú disparate lingue e letterature teatrali, è consultabile a vari livelli: per autore (i capolavori di Shakespeare), periodi storici (il secolo d'oro spagnolo), letterature nazionali (tutti i drammi di autori francesi, dal Rinascimento al Ventunesimo secolo), generi teatrali (tutte le favole pastorali). Essa è stata pensata per gli insegnanti (del liceo, ad esempio), per gli studenti (delle facoltà umanistiche), e, soprattutto per gli appassionati di teatro, che la sera della «loro» prima teatrale vogliono sapere a quale «trama» s'apprestano ad assistere.