Categorie

Luis Sepúlveda

Traduttore: I. Carmignani
Illustratore: S. Mulazzani
Editore: Guanda
Collana: Le Gabbianelle
Anno edizione: 2013
Pagine: 95 p. , ill. , Rilegato
  • EAN: 9788823505032

In un gruppo uniforme di esseri viventi appare talvolta l'elemento che pensa in modo differente, che va controcorrente, che si dimostra ribelle. Generalmente è giovane, intraprendente, curioso e si pone delle domande. Se a queste domande nessuno dei suoi compagni - nemmeno tra i più anziani - riesce a rispondere, il coraggioso giovanotto dovrà allontanarsi dal suo mondo protetto e abitudinario e iniziare la ricerca indirizzandosi all'esterno.
Accade così anche alle lumache - ci racconta Sepúlveda - tradizionaliste e conformiste, che non rivolgono mai lo sguardo lontano e che procedono con una lentezza pressoché inarrivabile. "Me ne vado, e tornerò soltanto quando saprò perché siamo così lente, e quando avrò un nome." Così annuncia alle compagne la sua decisione di allontanarsi la nostra lumaca, suscitando disapprovazione e anche sarcasmo.
Lentamente, molto lentamente, abbandona il rigoglioso prato e la protezione del calicanto e si incammina verso l'ignoto. Vuole incontrare chi potrà offrire una risposta alle sue domande. Lungo la strada incontrerà animali diversi, tra i quali un gufo un po' triste e una tartaruga molto saggia chiamata Memoria. Sarà lei a battezzarla e a dare un senso alla sua ricerca, mostrandole il grave rischio che incombe sul piccolo pezzo di terra in cui vive in pace la colonia di lumache: "La mia lentezza è servita a incontrarti, a farmi dare un nome da te, a farmi mostrare il pericolo, e ora so che devo avvertire le mie compagne."
La nostra lumaca (nel cui nome che non vi sveliamo, sarà concentrata l'essenza della sua personalità) tornerà indietro e con le compagne inizierà un viaggio verso l'ignoto.
Luis Sepúlveda - Inscrivedo il suo lavoro in una delle più antiche tradizioni narrative che da Esopo arriva ad Andersen e sino ad autori come Piumini - sceglie ancora una volta la strada della favola morale per trasmettere un messaggio di pace, collaborazione, generosità. Ma anche per ricordare a tutti che il tempo è prezioso e non sempre vivere freneticamente è bene: rischiamo di perdere gli appuntamenti importanti che la vita ci riserva.

A cura di Wuz.it

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mariflo

    28/09/2014 18.38.05

    Questa favola, veramente molto breve, non mi ha convinto più di tanto, sicuramente meno di altre scritte in precedenza. Niente da dire sulla stile della scrittura, sempre molto tenera ed evocativa, ma l'intento del racconto sembra solo accennato.

  • User Icon

    Brunella

    24/07/2014 12.29.14

    Lentamente, molto lentamente... Una favola molto molto carina!

  • User Icon

    Giulia

    21/02/2014 17.53.05

    Bellissimo molto significativo

  • User Icon

    ampa

    15/02/2014 10.48.24

    Ogni tanto, tra un romanzo e un giallo, è bello leggere una favola.

  • User Icon

    vale

    08/02/2014 21.03.43

    Carinissimo! Una nuova favola dell'autore della gabbianella e il gatto che, come sempre, riesce a condensare in poche e semplici pagine l'avventura di una lumaca testarda e coraggiosa. Una bella favola per i piccini che offre spunti di riflessione anche per i più grandi. Consigliatissimo :)

  • User Icon

    Laura

    07/02/2014 15.25.12

    Da manuale per quanto riguarda la struttura e lo stile, ma da un grande come Sepulveda mi sarei aspettata di più. Immaginiamo che questa favola fosse stata scritta da un Signor Nessuno qualsiasi, se ne sarebbe parlato con lo stesso entusiasmo?... Io ne dubito.

  • User Icon

    Gianni

    07/02/2014 14.08.48

    Carino ma nulla a che vedere con le due precedenti "favole".

  • User Icon

    maperfa

    06/02/2014 20.02.31

    carino, ma mi aspettavo di più

  • User Icon

    enrica

    01/02/2014 10.46.35

    Come i due precedenti, l'ho comprato e l'ho letto ai miei bambini. Storia che riflette la società umana: di chi rimane attaccato alle convinzioni, alla propria "natura" che non si può cambiare e di chi invece esce dal gruppo alla ricerca di qualcosa, alla ricerca di se stesso. Ricerca peraltro positiva all'intera comunità, per la salvezza... un finale che non può fare altro che lasciare un sorriso sulle labbra...

  • User Icon

    cristina

    26/01/2014 15.10.37

    Una piccola favoletta morale, buona più per i bambini che per noi adulti, ormai troppo abituati anche a queste lezioncine politicamente corrette che difficilmente riescono a fare breccia nella nostra frenesia, se non per strappare un fugace sorriso di nostalgia.

  • User Icon

    Angelo

    20/01/2014 10.21.46

    Probabilmente non sono dotato di una grande sensibilità e/o non so leggere tra le righe ma a me sembra che questo, chiamiamolo pure "racconto" sia di una banalità imbarazzante. Buono forse e dico "forse" per i cuccioli d'uomo alle prime armi con la lettura ma anche più piccoli. Forse solo la loro smisurata fantasia farà vedere loro quelle cose che io non sono riuscito a vedere. Mah?!?

  • User Icon

    Umberto Mottola

    18/01/2014 18.39.46

    Una fiaba delicata, dallo stile semplice; però,francamente, da Sepùlveda mi aspettavo qualcosina di più. Belli i disegni di Simona Mulazzani.

  • User Icon

    gerardina giano

    12/01/2014 14.37.48

    E' un racconto fantastico che va bene per tutti. La sana curiosità della lumaca e la sua intraprendenza sono elementi importanti nella vita di chi ancora non conosce se stesso e vuole avere conferma della propria identità. Il racconto vale non solo per il suo contenuto, ma ance per la leggerezza della scrittura e la semplicità del linguaggio, come sempre per tutte le opere dell'autore.

  • User Icon

    emy

    11/01/2014 12.02.51

    un libro da leggere sottovoce e piano piano.. adatto anche a bambini già dai 2 - 3 anni. semplice ed affascinante. consigliato.

  • User Icon

    gabriela

    25/12/2013 17.34.02

    come sempre, con tanta semplicità, Sepùlveda fa riflettere sulla banalità delle cose rendendole preziose. Un bel libro senza età, dal bimbetto con il sorriso dei dentini appena fatti al vecchietto privo di quel candido bianco ma comunque un sorriso pieno di tenerezza amore e sapere

  • User Icon

    Francesco

    20/12/2013 11.43.13

    Breve ed intenso. Sa sussurrare, suggerire con toni sfumati. Sa far riflettere sulla similitudine tra la società delle lumache e quella umana. Piacerà anche leggerlo ai piccoli e trarne argomenti di riflessione.

Vedi tutte le 16 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione