Categorie

Curatore: G. P. Lombardo
Editore: Franco Angeli
Anno edizione: 1994
Pagine: 400 p.
  • EAN: 9788820483944

scheda di Frigessi, D., L'Indice 1995, n. 6

Scrive Musatti nell'82 che non solo non esiste la professione dello psicologo ma neppure una psicologia che comprenda un corpus di nozioni comune a tutti quelli che si dicono psicologi. Anche da questa osservazione si può partire per leggere questa folta raccolta di articoli, comparsi sulle più importanti riviste della disciplina negli anni settanta e ottanta. Sono pagine che ripercorrono il dibattito sul ruolo e la situazione della psicologia e prendono le mosse dalla sua difficile integrazione nella cultura scientifica italiana. Le due anime, quella scientifico-accademica e quella applicata della psicologia, la formazione e il ruolo sociale dello psicologo ("servo del potere"?), le sue tecniche e il modello teorico che le sostiene, il rapporto tra psicologia clinica e psicoterapia soprattutto negli anni ottanta, sono alcune tra le più importanti questioni affrontate. La riflessione sul rapporto con il modello medico e sulla professionalità dello psicologo quale si manifesta nel servizio pubblico si accompagna alla consapevolezza della crisi che ha colpito la psichiatria tradizionale e si intreccia alla riflessione ricorrente sull'istituzione del corso di laurea e sulla legge che regolamenta la professione. Gli scritti raccolti si devono alla penna di alcuni tra i più eminenti italiani - Ammaniti e Fornari, Galli, Jervis, Kanizsa e Legrenzi, Luccio, Minguzzi, per citarne solo alcuni - e tracciano un bilancio dell'evoluzione della disciplina, dal quale gli studiosi non potranno d'ora in poi più prescindere.