DISPONIBILITA' IMMEDIATA

-15%
Storie della tua vita - Ted Chiang - copertina

Storie della tua vita

Ted Chiang

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Christian Pastore
Editore: Frassinelli
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 29 novembre 2016
Pagine: 324 p., Rilegato
  • EAN: 9788893420020
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,72

€ 18,50
(-15%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Storie della tua vita

Ted Chiang

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Storie della tua vita

Ted Chiang

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Storie della tua vita

Ted Chiang

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 18,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La prima raccolta di romanzi brevi dello scrittore americano Ted Chiang. Include le prime otto storie pubblicate dall'autore da cui è stato tratto il film Arrival.

«Erano trent'anni che volevo girare un film di fantascienza, ma non trovavo la storia giusta. Quando ho letto "Storie della tua vita" ho capito che l'avevo trovata.»Denis Villeneuve (regista di Arrival)

«Siete quelli che devono scavare nella volta celeste?»
«Sì, siamo noi.»


Lo studio di una lingua aliena, un ormone che aumenta l’intelligenza a dismisura, un mondo funestato dalle apparizioni angeliche, il mito della Torre di Babele e quello del golem, una rivista scientifica del futuro, un ritocco al cervello che rende indifferenti rispetto alla bellezza, una rivoluzionaria dimostrazione matematica che finisce per negare il concetto stesso di matematica. Questi sono i soggetti degli otto racconti che hanno fatto conoscere al mondo Ted Chiang, ormai diventato un vero autore di culto per tutti gli appassionati di fantascienza, e non solo. In Storia della tua vita, il più celebre e il più lungo dei racconti, vincitore del prestigioso Premio Nebula, e che ha ispirato a Denis Villeneuve il film Arrival, Ted Chiang fonde in modo magistrale le due dimensioni di una donna, la dottoressa Louise Banks: quella privata, e dolorosa, segnata indelebilmente dalla morte della figlia, e quella professionale, che la vede impegnata nel tentativo di interpretare la lingua degli alieni e instaurare con loro una forma di comunicazione. E in questa, come in tutte le altre storie della raccolta, Chiang riesce con la sua ironia, la sua intelligenza affilata, il suo stile coinvolgente e il suo sapere enciclopedico, a rendere metaforici e universali i suoi racconti e a rappresentare plasticamente che cosa significa vivere in un mondo segnato dalla continua incertezza, dal senso costante di cambiamento, ma sempre anche dalla bellezza e dalla meraviglia.
4,2
di 5
Totale 10
5
6
4
2
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giordano Bruno

    19/06/2019 19:12:27

    Chiang ha delle idee intelligenti, alcune persino geniali (vedi il racconto "Storia della tua vita", sicuramente fra i migliori della raccolta), ma alcune proprio non mi hanno preso. Diciamo un 3 stelle e mezzo. Il primo racconto mi stava persino facendo prendere in considerazione l'idea di piantare lì il libro ben prima di finire il racconto stesso. Poi mi sono lasciato convincere dalle recensioni positive e devo confessare che tutto sommato il libro merita, ma va un po' ad alti e bassi. Gli manca quella cosa che ti fa girare la pagina con un po' più di curiosità. Bello, scritto bene, ma non proprio una lettura particolarmente appassionante. Racconti lunghi, quasi novelle forse (a parte uno di 4 pagine non entusiasmante). Ripeto: belle idee, probabilmente con uno sviluppo abbastanza letterario, una "fantascienza" (insomma...) d'autore per palati un pochino snob o raffinati.

  • User Icon

    Dario

    11/03/2019 13:28:15

    Si tratta di un’antologia di otto racconti di Ted Chiang, uno tra gli scrittori di fantascienza più quotati dell’ultimo quarto di secolo, grazie ai suoi racconti brevi e alla sue fiction novel, che propone con grande parsimonia. Tre di questi racconti hanno vinto il Nebula, due il premio Hugo. L’intera raccolta ha conquistato il Premio Locus. Il racconto più lungo di questa antologia, Story of your life è stato pubblicato per la prima volta nel 1998, vincendo il prestigioso Premio Nebula per la fantascienza. È quello che ha ispirato la pellicola “Arrival”, storia di tele-incontri ravvicinati, firmata dal regista Denis Villeneuve Va detto che la scrittura non è l'attività prevalente di Chiang: laureato in informatica, realizza software. È specializzato in linguaggio di programmazione e non è un caso, quindi, che al centro della sua narrativa – una fantascienza ipertecnologica – ci siano scambi di comunicazione, ricerca di contatti, sperimentazioni di lingue comuni.

  • User Icon

    Francesco

    26/09/2018 19:05:35

    Carino. Agli amanti del genere non può mancare

  • User Icon

    Dedal0

    23/09/2018 16:58:26

    acconti ad alto tasso scientifico 4,5 Sono approdato a questa raccolta senza sapere che da uno dei racconti è stato tratto un film. Dopo aver letto "Storie della tua vita" ero curioso di vedere il volto dello scrittore. Forse cercavo in una foto immortalata le prove scientifiche di un ricercatore prestato alla narrativa, perché di questo si tratta, sono 8 racconti Scientifici-fanta. Inverto il termine perché Chiang osa e pone la fantascienza su un piedistallo trasparente visibile ai più. Spiega ciò che avviene, in maniera talmente coerente tra i suoi pensieri e l'oggettività che, da lettore, arrivo a crederci, come se fossero scoperte a cui arriveremo da qui a breve. Lo studio della linguistica e dei corollari ad essa associati è un punto nodale di questi piccoli gioielli di ponderatezza. Sono io che ho voluto trovarci una linea guida perché, in realtà, la raccolta è una summa di opere singole presentata da Chiang negli anni. Vorrei anche dire che Chiang non è molto da colpo di scena. Molti suoi racconti finiscono senza "effetto esplosivo". In grassetto i 4 racconti che sono da 5* Torre di Babilonia: Bellissimo il lato descrittivo dell'ascesa. Ammetto di aver avuto difficoltà a considerarlo fantascienza. Capire: Il più "vecchio" della raccolta e forse, il più criptico. Non associatelo a Limitless. Divisione per zero: La matematica associata alle relazioni in una somma che non darà 0. Storia della tua vita: Bellissimo. Lo studio della fisica e del linguaggio. La protagonista è madre, docente universitaria, pioniera. Settantadue lettere: Altro testo fortemente incentrato sul linguaggio. Una rivisitazione cabalistica approntata alla produzione in serie. L'evoluzione della scienza umana: brevissimo. C'è soltanto da leggere le varie supposizioni. L'inferno è l'assenza di Dio: Altro racconto che ho apprezzato molto. Gli angeli visti da Chiang. Il piacere di ciò che vedi: un documentario: Con lo stile di un documentario Chiang affronta il tema della "bellezza".

  • User Icon

    Paolo

    04/09/2018 13:02:34

    La migliore raccolta di racconti di fantascienza dai tempi di Ballard e Sturgeon! Gran libro

  • User Icon

    Fedemone

    29/06/2018 13:48:08

    Scrivo questa recensione per chi si accosta a questo libro e rimane scoraggiato dai brutti voti visti. Comprendo che possa non piacere, ma lo spessore di questo autore non è nella mera tecnica narrativa, spesso piatta. Sta nella profondità di analisi, nella capacità di vedere il profondo dilemma umano quando avviene un evento "traumatico" impossibile senza l'ausilio della tecnologia. Che non diviene fine a sé stessa, ma un mezzo per conoscerci, per studiarci, per migliorarci. Chi si ferma al solo intreccio, o chi deprezza tecniche narrative che non siano quelle atte a stupire il lettore (ultimamente trovo ovunque il citare lo "show don't tell", in maniera strettamente pedissequa e un po' miope) non riesce a comprendere il dramma e il meraviglioso, una seconda verità dietro i semplici fatti, come possiamo essere persone anche se si guarda con occhio da analista. Penso che Chiang sia prezioso perché il lato umano, pur siano i personaggi anonimi, delle maschere intercambiabili, è in realtà in primissimo piano e in conflitto con un mondo di cui abbiamo una comprensione parziale. Se il metodo di comprensione fa parte del "esame di coscienza" dell'autore/personaggio, il risultato è comunque come questo cambia noi e i nostri cari, e che valore dobbiamo dare al nostro pensiero e ai nostri rapporti. Se si apprezza uno stile di scrittura antiquato per un approccio molto moderno alle emozioni e al mondo, questo autore sà dare moltissimo.

  • User Icon

    Cosimo Sportelli

    18/06/2017 21:48:29

    Lo ammetto: ho comprato il libro incuriosito dal trailer del film che ha trasposto su schermo uno dei racconti di questa antologia. Sì, perché il recente film di Villeneuve con Amy Adams si ispira a uno degli otto racconti di Ted Chiang, Storia della tua vita, che poi dà il titolo all’intera raccolta. Componimenti di genere fantascientifico, in cui l'aspetto scientifico è persino invadente. Nel testo si citano più volte formule o teoremi matematici che per chi – come me – ha sempre avuto un rapporto complicato con le materie scientifiche non possono che diventare un incubo. Ok, il genere sci-fi richiede l’inserimento di una caratterizzazione pseudo-scientifica delle vicende, ma qui si esagera: vi sono pagine prive di alcuna bellezza, piene di una piatta uniformità intellettualoide in cui non sembra accadere nulla. Sarà che Chiang è un informatico e io troppo romantico, fatto sta che alcuni brani non vedevo l’ora di finirli. È il caso di Divisione per zero, un incubo: tutto ruota intorno a due studiosi, un uomo e una donna, che vanno in paranoia di fronte alla possibile scoperta di un’equazione che dimostra l’incoerenza di fondo della matematica. Sai che gioia! Vi sono però anche elementi positivi. Nel primo racconto, Torre di Babilonia, la descrizione dell’altezza vertiginosa dell’edificio e del modo in cui gli uomini hanno preso a vivere sulle sue pendici è molto evocativa. Settantadue lettere rispolvera il mito del golem e narra di un Ottocento inglese alternativo, facendo ricorso alla cosiddetta ucronia. Intrigante. Il piacere di ciò che vedi: un documentario è il racconto decisamene più bizzarro: una serie di interviste a diversi personaggi coinvolti da un progetto chiamato calliagnosia. Molto interessante il tema e piacevole la lettura. In conclusione le idee alla base dei racconti sono certamente originali, a convincermi meno è la resa letteraria. Sarà un problema di traduzione? O forse Ted Chiang, ottimo ideatore, è un po' meno abile come prosatore?

  • User Icon

    Loris

    09/05/2017 09:13:18

    'Storia della tua vita' è un racconto esemplare che illustra le potenzialità di una fs che può essere altro (non necessariamente meglio) dalla space opera o dall'esplorazione high-tech. L'incontro con l'Altro (alieno) è l'occasione per riflettere sul modo in cui il linguaggio forma e condiziona il modello cognitivo attraverso cui si interpreta il mondo. Dal tempo lineare e dalla sequenzialità causale si può passare alla simultaneità, non senza aver affrontato la questione del libero arbitrio. Chiang evita la freddezza teorica mettendo in gioco le relazioni affettive tra le persone, su cui riverbera le conseguenze delle speculazioni scelte come soggetto. Lo stesso metodo vale per gran parte dei racconti qui presenti, che si parli di Dio, di matematica o di agnosia selettiva. La cosmogonia biblica può rivelarsi sorprendentemente esatta, astruse teorie vittoriane e cabala ebraica possono convivere in un universo (bio?)steampunk. Come in ogni raccolta, la qualità varia (e non sempre i personaggi hanno 'sostanza' letteraria), ma nel complesso è meritorio aver recuperato questo testo sulla scia del film di Villeneuve, che inevitabilmente (e felicemente) è altra cosa, dovendo rispondere alle esigenze di un diverso mezzo espressivo.

  • User Icon

    Scrive bene ma è noioso

    10/04/2017 10:57:47

    Ted scrive benissimo. Il libro è un esempio di virtuosismo, ogni racconto dimostra la capacità e la proprietà di linguaggio del'autore. Purtroppo l'intero libro dimostra anche la poco conoscenza dell'autore delle tecniche narrative più comuni, in particolare lo show don't tell. Tutti i racconti, tranne forse il primo, sono raccontati dal punto di vista del narratore onniscente e risultano decisamente noiosi nella loro esposizione. Sembra di essere spettatori passivi al racconto di un viaggio raccontato con voce monotana dall'autorem neppure dai protagonisti. I personaggi non hanno spessore, le storie non hanno spessore, in realtà non ci sono storie, non nel senso tecnico di storia, manca in molti racconti la presenza di un motivo per la storia stessa. Quello che manca completamente è la profondità. Ogni protagonista è uguale, ogni comprimario è uguale, non c'è alcuno speso psicologico ne alcuna ricerca della personalità. Le storie sono piatte, sono eventi casuali che non danno alcun valore aggiunto al termine della lettura, come leggere la lista della spesa del mese passato. Purtroppo, analizzando il modo in cui si muovono i personaggi, le ambientazioni e la struttura dei dialoghi diviene palese che non si tratta di un problema di traduzione (forse anche non lo metto in dubbio) ma proprio di poca competenza da parte dell'autore... tanto più grave in quanto docente di scrittura (poveri allievi). Esaminiamo i singoli racconti: Torre di babilonia Stupenda idea quella del mondo arrotolato su se stesso. Peccato che sia l'unica cosa rilevante. Capire Idea interessante, occasione sprecata. Il protagonista diventa una specie di divinità e non cambia mai in alcun caso il modo di ragionare. L'avversario (per una volta c'è un avversario) è una fotocopia del protagonista, nessuna variazione. Il modo di narrare rende il tutto molto piatto. Divisione per zero Altra occasione sprecata. La storia di una matematica che raggiunge la scoperta più importante del settore e cerca

  • User Icon

    franco

    08/02/2017 12:41:59

    Il film Arrival è stato tratto dal racconto del titolo del libro ed è un bel film, molto attuale nella sua ansia di cercare un modo di comunicare fra modi di pensare diversi. Ma anche le altre storie della raccolta sono validissime. Anche se non amate i racconti, questo libro potrebbe farvi cambiare idea. Ted Chiang affronta concetti matematici e sociali complessi ma li descrive in maniera semplice e piacevole, rendendoli accessibili anche a chi è digiuno di cose fantascientifiche. Riassunto in due parole: sincero e profondo.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

Le prime frasi del romanzo

Se la torre giacesse distesa lungo la piana di Shinar, per percorrerla da un estremo all’altro ci vorrebbero due giorni di cammino. Dal momento che la torre si staglia invece verso il cielo, per scalarla fino in cima è necessario un mese e mezzo, sempre che si salga a mani vuote. Solo in pochi però s’inerpicano fin lassù senza trasportare nulla; gli uomini perlopiù trascinano con sé dei carri di mattoni che ne rallentano notevolmente l’andatura. Trascorrono quattro mesi dal giorno in cui un mattone viene caricato a quello in cui viene prelevato dal carro per divenire parte della torre.

Hillalum era sempre vissuto nell’Elam, e di Babilonia sapeva solo che comprava il rame della sua terra. I lingotti di rame scendevano il Karun su barche che navigavano verso l’Eufrate fino al Mare Inferiore. Hillalum e gli altri minatori viaggiarono via terra, insieme a una carovana di onagri stracarichi. Attraversarono a piedi le pianure, percorrendo un sentiero polveroso che scendeva dall’altopiano e s’inoltrava nei campi verdeggianti intervallati da argini e canali.
Nessuno di loro aveva mai visto la torre. Cominciò a essere visibile quando per raggiungerla mancavano ancora diverse leghe: una linea sottile come un filo di lino che vibrava nell’aria bollente, spiccando su una crosta di fango che era in realtà Babilonia. Quando si avvicinarono, quella crosta sembrò sollevarsi trasformandosi nelle mura possenti della città, ma i loro occhi erano tutti per la torre.
Abbassando lo sguardo a livello della pianura fluviale, notarono i segni che la torre aveva lasciato all’esterno della città: l’Eufrate stesso scorreva ora sul fondo di un ampio letto infossato, scavato a quel modo per ricavare l’argilla con cui plasmare i mattoni. A sud si vedevano file e file di fornaci ormai spente.
Avvicinandosi alle porte della città, la torre si rivelò più imponente di quanto Hillalum avesse osato immaginare: un’unica colonna ampia all’incirca quanto un tempio, e che ciò nonostante si proiettava tanto in alto da assottigliarsi fino a scomparire. Camminavano tutti con il capo rovesciato all’indietro, socchiudendo gli occhi per via del sole.
Nanni, un amico di Hillalum, gli diede di gomito sbalordito: «E noi dovremmo salire lassù? Su quella cosa?»
«Salire per scavare: sembra… innaturale.»
I minatori raggiunsero l’ingresso principale delle mura a occidente, da cui in quel momento stava partendo un’altra carovana. Mentre si raggruppavano nella sottile striscia d’ombra proiettata dalle mura, Beli, il caposquadra, si rivolse urlando alle sentinelle di guardia nei torrioni. «Siamo i minatori chiamati dalla terra di Elam.» Le guardie parvero rallegrarsi, e una di esse replicò: «Siete quelli che devono scavare nella volta celeste?»
  • Ted Chiang Cover

    Tra i più apprezzati scrittori di fantascienza viventi, con i suoi racconti e romanzi brevi – pubblicati a partire dal 1990 – Ted Chiangha vinto in più di un’occasione i premi Nebula e Hugo. Laureato in informatica, vive vicino a Seattle. Oltre a Storie della tua vita (Frassinelli 2016), in Italia è stato pubblicato il romanzo breve Il ciclo di vita degli oggetti software (Delos Books 2011). Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali