Categorie

Nicolai Lilin

Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2012
Pagine: 225 p. , ill. , Rilegato
  • EAN: 9788806214142

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    28/02/2014 18.21.39

    Libro interessante sul linguaggio segreto e simbolico dei tatuaggi dei criminali siberiani.

  • User Icon

    Ivo Rispoli

    02/01/2014 23.04.13

    Storia coinvolgente, il fascino del mistero di un luogo di cui non sappiamo granchè, un pizzico di romanticismo ed ecco le storie sulla pelle. Must assoluto per gli appassionati dei tatuaggi ma apprezzabilissimo da chiunque. Da sottolineare lo stile estremamente semplice ma efficace, connubio piuttosto raro.

  • User Icon

    Nicola Bachis

    06/10/2013 23.52.10

    Una lettura molto scorrevole, piacevole e intrigante. Non sicuramente da favola della buonanotte , un mondo duro ,senza pietà , governato da rigide leggi , la cui trasgressione consapevole o inconsapevole determina una fine terribile senza appello.... Consigliato .

  • User Icon

    Cinzia - Madame Selle 28

    04/08/2013 18.40.10

    E' un po' un continuo forzato di Educazione Siberiana ma non posso dire che manchi di qualcosa. Il suo stile di scrittura, questo continuo racconto che passa di pala in frasca in base a come i ricordi gli affiorano nella mente è sempre molto coinvolgente. E' molto bravo a trasmettere emozioni e sensazioni. Credo che proseguirò molto volentieri nella lettura dei suoi libri.

  • User Icon

    Eli

    22/06/2013 11.54.34

    Questo libro mi è piaciuto davvero molto.. L'ho letto dopo Educazione Siberiana e devo dire che mi ha colpito più del primo.. trovo disarmante la semplicità di Lilin di trasmettere tante emozioni così forti attraverso una scrittura semplice.. Un ottima lettura..

  • User Icon

    ant

    26/05/2013 07.20.18

    Mi ha molto colpito di questo libro la capacità dello scrittore di saper far risaltare che la calma e la meditazione alla fine prevalgono sempre su freneticità e irruenza. Ambientato in Siberia , l'io narrante è un ragazzo che cresce col mito del nonno che è un tatuatore (kol'?ik) e più si affanna il giovane a cercare di emulare l'anziano e più quest'ultimo lo scaccia, cercando di fargli capire che lì in quella zona e in quel determinato contesto il tatuaggio non ha spiegazioni nette né precise, è semplicemente il destino di ognuno... Bravissimo Lilin a mettere sempre al centro della narrazione la saggezza degli anziani ed il loro carisma, fulcro e punto di riferimento del luogo raccontato e fonte di sapere e di cultura x poter crescere con le idee chiare nei luoghi descritti. Varie e particolari le vicissitudini che vivrà Nicolai, l'io narrante, nel romanzo, spesso situazioni molto cruente e violente, ma che con l'esperienza e la pacatezza acquisita soprattutto dalle frequentazioni e dall'ascolto degli anziani saprà affrontare con i dovuti modi. Libro x meditare

  • User Icon

    mari75

    14/01/2013 10.08.56

    é stato detto che lilin dovrebbe scrivere qualcosa di nuovo, di diverso, per evitare che rimanga prigioniero della storia di educazione siberiana. non so...questo è il quarto libro di lilin che leggo, e francamente continua a coinvolgermi e ad emozionarmi...non lo trovo ripetitivo né noioso. Sebbene l'ambientazione sia la medesima e i personaggi siano gli stessi (kolima in primis)l'ho letto tutto d'un fiato e mi ha lasciato le stesse vivide, profonde emozioni di sempre.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione