Categorie

Roger Penrose

Traduttore: E. Diana
Collana: Grandi saggi
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 1206 p. , ill. , Brossura

2 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Scienze, geografia, ambiente - Fisica - Fisica matematica

  • EAN: 9788817050210

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gianni F

    03/05/2012 23.16.22

    Attenzione, questo libro è pieno di formule e richiede una formazione matematica almeno al primo anno universitario di un corso di laurea scientifico (escludendo i corsi di laurea in fisica e matematica ovviamente). Vi è una lunga introduzione matematica che farà da base alla seconda parte del volume (sempre piena di matematica). Questo "libro" non potrete leggerlo, lo dovrete studiare, però è davvero l'unico modo per capire le basi della realtà, non è quindi un saggio. Il tema del libro è: le nostre costruzioni matematiche hanno un nesso con la realtà fisica? Cioè, la matematica è una nostra invenzione oppure è una scoperta? E se è una scoperta, vuol dire che esiste un universo di base matematico da cui scaturiscono le leggi fisiche? Come vedete, si tratta di una domanda importante e Penrose naturalmente ha la sua risposta, che non vi anticipo (anzi sì, sono cattivo, Platone?). Nonostante tutto, credo che l'impresa possa valerne la pena. Sono ancora alla prima parte e devo dire che è dura, però accanto alla matematica vi è un discorso colloquiale, come se un prof vi parlasse, quindi non si tratta propriamente di un noioso libro di testo sulla matematica. Insomma, non è un saggio, non è un libro di testo, vedete voi.

Scrivi una recensione