La strada per Roma - Paolo Volponi - copertina

La strada per Roma

Paolo Volponi

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 luglio 2014
  • EAN: 9788806223397
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 12,32

€ 14,50
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vincitore premio Strega 1991

Rimasto inedito per quasi trent'anni, questo "romanzo di formazione" traccia con classica serenità compositiva e al tempo stesso con febbrile, convulsa inquietudine testimoniale la storia di un giovane che vive il proprio sofferto distacco dall'età dell'irresponsabilità e dei miti come illusoria scoperta di un "modello di sviluppo" capace di affrancare insieme il suo destino e quello della società. Svincolandosi, o credendo di svincolarsi, dall'abbraccio dolcissimo e micidiale della piccola città in cui è nato, egli imboccherà "la strada per Roma", diventando finalmente adulto. Ma nel suo partire e tornare e ripartire, nell'intrico nevrotico delle sue amicizie e dei suoi amori, c'è l'ambiguità tragica, proiettata sul piano di un'esperienza individuale e gloriosamente "romanzesca", di una generazione e di una società che ha visto morire a poco a poco le passioni e le speranze nate subito dopo la guerra.
3,33
di 5
Totale 3
5
1
4
0
3
1
2
1
1
0
  • User Icon

    Salvatore Palma

    11/03/2013 14:16:07

    Vincitore del Premio Strega del 1991, si tratta in realtà di una storia scritta negli anni Sessanta che racconta le speranze, le preoccupazioni e le ansie di Guido, il protagonista, e dei suoi coetanei. Avvenimenti quotidiani, discussioni politiche e storie d'amore, nel contesto della provincia italiana (in questo caso Urbino nei primi anni del dopoguerra) che guarda alla capitale con un atteggiamento misto di incertezza e di speranze, di dubbio e di utopia. Un libro che rivela la fatica di ricostruire e il disincanto di un periodo storico che fino ad allora era vissuto solo di grandi ideali. Non suscita particolare trasporto emotivo né si legge con molto entusiasmo.

  • User Icon

    Nicola59

    04/02/2013 09:47:18

    Mi aspettavo molto da questo libro e sinceramente mi ha deluso. La scrittura non è sempre facile e alcuni periodi risultano, a mio modo, di difficile comprensione. Su quel particolare momento della storia d'Italia ho letto e sto leggendo Fenoglio e lo preferisco. Vabbè la presenza di Urbino ma ritengo lo scrittore abbia indugiato un po' troppo nella descrizione di essa. Mio padre ammirava Volponi come uno dei grandi scrittori italiani, proverò con un altro libro.

  • User Icon

    gianca

    17/02/2010 11:09:02

    Che dire di questo capolavoro, che, noto con disappunto, non è più in commercio? Non è solo un libro, è un' educazione sentimentale........ Per me, indimenticabile.

  • Paolo Volponi Cover

    Scrittore italiano, narratore e poeta, nasce nel 1924 a Urbino, dove si laurea in Giurisprudenza nel 1947. Viene poi assunto dall’azienda Olivetti, dove svolge cariche dirigenziali e inchieste in ambito sociale. Nel 1956 viene promosso a direttore dei servizi sociali della Olivetti, posto che occuperà fino al 1971. ‹‹Passione morale e vocazione politica›› sono per Volponi i connotati salienti di un binomio arte-vita, e quindi di una scelta letteraria, che ha saputo evidenziare verità, contraddizioni e problemi del mondo contemporaneo. L’esordio come scrittore avviene con due raccolte di poesie in versi: Il Ramarro (1948), raccolta di stampo impressionista ispirata a Pascoli e D’Annunzio; e L'antica moneta (1955), nella quale... Approfondisci
Note legali