La strage. Il romanzo di piazza Fontana

Vito Bruschini

Editore: Newton Compton
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 22 marzo 2012
Pagine: 335 p., Rilegato
  • EAN: 9788854136298
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Milano, piazza Fontana, 12 dicembre 1969. Nella sede centrale della Banca dell'Agricoltura, gremita di gente, una bomba deflagra con violenza inaudita, uccidendo sul colpo dodici persone e ferendone quasi novanta. Sono passati oltre quarant'anni dalla strage, eppure di quell'attentato, che segnò una frattura insanabile nella storia recente dell'Italia dando il via alla terribile stagione della "strategia della tensione ", si continua a parlare. Molti interrogativi non hanno ancora trovato una risposta: perché, fin dalle prime ore, furono accusati gli anarchici? Chi aveva interesse nell'attentato? Quale fu il ruolo dei servizi segreti in questa storia? Esisteva un patto scellerato tra politici italiani e intelligence straniera? Quante bombe scoppiarono alla Banca dell'Agricoltura? "La strage" vuole raccontare, da un punto di rista ravvicinato, quasi "dall'interno", non solo i fatti di quel triste giorno, ma un'intera fase cruciale per il nostro Paese, iniziata prima del 12 dicembre e proseguita per tanti anni a venire. Grazie al suo accurato lavoro di documentazione, Vito Bruschini riesce a rievocare l'atmosfera cupa e tesa che avvolse un'Italia annichilita dalla paura, ma non ancora sconfitta, in un romanzo su uno dei misteri più drammatici della storia repubblicana.

€ 5,34

€ 9,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nicolò Da Ponte

    06/01/2013 01:31:04

    Voto 5/10 Ci sono troppi pseudonimi. Inoltre i dialoghi sono troppo spesso quasi inutili, servono quasi solo a spiegare al lettore cosa succede subito dopo e la causa immediata di ciò, ma non si va più a fondo nella logica, nella mentalità, nelle meccaniche ecc, il tutto è troppo superficiale. L'espediente delle lettere del ragazzo terrorista è potenzialmente buono ma anche qui le lettere sono superficiali, ingenue e quasi infantili; dubito che dei terroristi permetterebbero a un tizio simile di avvicinarsi alla loro organizzazione. Quando poi il ragazzo passa al fascismo sostanzialmente non è spiegata la sua decisione, quasi che l'autore non fosse nemmeno in grado d'immaginarsi dei motivi per un tale cambio di bandiera.

Scrivi una recensione