Lo strano caso dell'apprendista libraia

Deborah Meyler

Traduttore: C. Marseguerra
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2014
Pagine: 348 p., Rilegato
  • EAN: 9788811682448
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,94

€ 16,40

Risparmi € 2,46 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 8,85

€ 16,40

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lisa

    25/07/2017 10:03:23

    Trama e personaggi simpatici, per una lettura di relax senza troppe pretese.

  • User Icon

    SoniA

    18/01/2017 09:54:34

    Dal titolo e dalla.trama mi aspettavo un buon romanzo scorrevole con una protagonista interressante. Ma ,ahimè,mi ha deluso molto. La trama è discontinua,i personaggi sono o banali o superflui. Ma soprattutto è scritto davvero male, non sono riuscita a finirlo.....

  • User Icon

    Any

    16/06/2016 22:13:53

    Questo libro mi è piaciuto molto, la trama e i personaggi sono simpatici, il testo è scorrevole e si legge tutto d'un fiato. Lo consiglio

  • User Icon

    dani70

    22/02/2016 14:49:40

    Carino e scorrevole, ma deludente nel finale perchè affrettato e...non finito. Forse ci sarà un seguito?

  • User Icon

    Giusy Spinelli

    23/11/2015 11:38:04

    La lettura di questo libro l'ho trovata piacevole, complice il fatto che uscivo dalla lettura di Imprimatur, mi ci voleva qualcosa di leggero. Do un voto bassino perché ... manca il finale!!! Altre 150 pagine per sviluppare il resto della storia e arrivare ad un finale migliore, non guastava!

  • User Icon

    Sari

    17/09/2015 15:20:55

    Un libro deludente nonostante la premessa fosse buona e sia la trama che il titolo fossero promettenti. La lettura è scorrevole ma la fine lascia con l'amaro in bocca e la sensazione che molte cose siano state lasciate in sospeso. Infatti fino all'ultimo capitolo ho avuto la costante sensazione che qualcosa stesse per succedere, per poi arrivare a un finale inconcludente. Inoltre, come già detto, la protagonista manca di carattere ed è succube del suo odioso e immaturo fidanzato. Salverei solo l'ambientazione, una piccola libreria di New York. Mi spiace, ma non credo che lo consiglierei.

  • User Icon

    Sara

    16/07/2015 11:23:36

    Mi dispiace dirlo, ma è un libro inutile. Non mi è piaciuto per niente.

  • User Icon

    Veronica

    14/07/2015 17:09:19

    Veramente bruttino. Sono arrivata alla fine con fatica e più per pignoleria che per interesse. Veramente, uno dei libri più inconcludenti che abbia mai letto. Soldi sprecati. Bella solo la copertina.

  • User Icon

    Giusyp85

    01/06/2015 15:47:06

    Esme è una ragazza piena di sogni, ambizioni e voglia di vivere; come capita spesso per quelle della sua età, si innamora dell'uomo sbagliato, un uomo che a 33 anni non ha ancora capito cosa vuole dalla vita, pieno di sè, troppo. L'arrivo di una nuova vita rivelerà ai due quello che realmente sono. Una donna e un uomo non destinati a stare insieme. E' un libro che si legge velocemente, molto scorrevole e che prende dalla prima riga. Consigliato.

  • User Icon

    lau

    20/05/2015 14:35:15

    In parte concordo con alcuni giudizi degli altri lettori...il libro ti lascia con un sacco di cose non concluse, tanti rapporti lasciati in sospeso e troppe domande. Però tutto sommato è una lettura (leggera) carina, ti invoglia ad andare avanti nella lettura. Nella sufficienza.

  • User Icon

    Caterina

    17/05/2015 15:47:25

    Da precisare fin da subito,per coloro che hanno intenzione di comprare e iniziare a leggere questo libro, che il titolo non ha niente a che fare con la trama. Buona la cornice entro la quale si sviluppa la storia: la piccola libreria indipendente nel cuore di New York e i curiosi personaggi che vi lavorano o la frequentano. Tuttavia questo non basta: manca una storia, una trama principale, mancano di spessore psicologico i vari personaggi; ma soprattutto ciò che delude di più è la protagonista Esme che, come già detto da altri nelle precedenti recensioni, non fa assolutamente nulla se non lasciarsi trascinare dagli eventi e da un uomo psicologicamente disturbato.Tanti buoni spunti non sviluppati che portano il lettore a concludere il romanzo con un senso di amarezza e delusione generale.

  • User Icon

    Paola

    28/03/2015 15:27:17

    Ho completato la lettura come d'abitudine per me per tutti i libri che inizio. E' finito nello scaffale dei romanzi inutili.

  • User Icon

    Serena

    20/02/2015 21:31:11

    Lo spunto sarebbe stato molto interessante, peccato per il modo in cui è stata descritta la protagonista, succube di un uomo estremamente superficiale e maschilista e con problemi psicologici che non merita affatto. C'è poca cultura nonostante le apparenze e ne emerge un romanzo abbastanza scarno. Il lato positivo è che si è cercato di dare dignità a omosessuali, anziani e cosiddetti " barboni", categorie che solitamente non hanno voce e sono oggetto di pregiudizi.

  • User Icon

    tania

    13/01/2015 14:14:02

    Perfettamente d'accordo con la recensione di Miriam. Anzi non esiste una storia. Esem si fa trascinare dagli eventi e dalle persone senza mai prendere una decisione. Sconsigliato.

  • User Icon

    miriam

    01/01/2015 18:08:06

    Assolutamente non a livello delle aspettative. Il titolo prospetta chissà quale segreto mentre in realtà la storia non ha mai un colpo di scena, la protagonista non è capace di decidere da sola e si fa "comandare" dal suo ragazzo che per fortuna (per lei) la lascia. Lui snob ed egoista. Insomma non mi è assolutamente piaciuto e nemmeno lo consiglio.

  • User Icon

    Tatiana

    06/12/2014 09:14:29

    Ho finito di leggere questo romanzo ieri sera, e devo dire che non mi ha colpito per niente. Forse sono io che non l'ho capito, ma mi è sembrato senza capo e ne coda! Lei è Esme, una ragazza inglese che si trasferisce a NY con una borsa di studio in letteratura. Si innamora di Mitchell, che secondo me oltre ad essere molto egoista ha anche qualche problema mentale, e rimane incinta. Va a lavorare alla "Civetta", questa libreria dove tutti i personaggi sono carini e si prendono cura di lei. Si lascia con il fidanzato per poi riprendersi. La familgia di lui è molto snob e non la trovano alla loro altezza. Poi lui la lascia definitivamente e il finale mi ha lasciato con molto amaro in bocca e tante domande. Non lo consiglio!

  • User Icon

    Elena

    13/11/2014 17:52:26

    Una ragazza che studia a New York, una libreria in cui va a lavorare: già solo queste due cose avrebbero dovuto attirarmi e farmi piacere il libro che invece si è rivelato una grande delusione, praticamente un libro da consultorio con la storia della gravidanza a sorpresa della protagonista, che decide di tenere il figlio mettendo a rischio la sua carriera. Allora mi riguardo Sex and the city. Sconsigliabile.

  • User Icon

    carmen

    12/11/2014 08:34:48

    non riesco proprio a capire come si possa dare un voto alto a questo libro. Non è la storia ordinaria in sé che mi ha deluso ma il modo in cui è stato scritta, o forse tradotta. Un libro che non ti lascia niente, se non la delusione di aver speso male i tuoi soldi.

  • User Icon

    Ely

    27/10/2014 18:25:11

    Chi mi conosce almemo un poco sa della mia passione per i libri, e quindi immaginerà subito che non potevo resistere a leggere questo libro appena l'ho visto. La storia narra di Esme, giovane laureanda inglese che si trasferisce in America per studiare. Qui incontra Mitchell e per errore rimane incinta. Mitchell è si bellissimo, ma anche molto stronzo, e la lascia e riprende quando fa comodo a lui, e per questo Esme decide di tenere il bambino senza fare affidamento su di lui. Questo però vuole dire che le servono soldi, e il fato vuole che trovi da lavorare come apprendista libraia proprio alla Civetta, una vecchia libreria che da quando l'ha conosciuta è meta abituale e negozio amato da Esme. Alla Civetta lavorano personaggi davvero strani, tra cui George, il proprietario, un uomo dal cuore grande che si esprime tramite i libri e gli autori. Personaggio davvero particolare, ma che tutti amano. E ancora più particolare è Luke, commesso scontroso e sempre taciturno, con tutti tranne che con Esme, a cui si dimostra subito molto legato e attento a lei. Si vede che l'ha presa in simpatia. Aggiungiamo poi che George da lavoro anche a vari senzatetto della zona con piccoli compiti e incombenze, ed ecco che capiamo quanto sia particolare questa libreria. Esme da parte sua ha il suo bel daffare a portare avanti la gravidanza, a continuare a studiare e anche a lavorare alla Civetta, dove impara ben presto il mestiere di libraia . Questo libro è l'esordio dell'autrice, che spero porterà avanti la sua attività di scrittrice perchè a mio avviso ha tutte le carte in regola. La storia è ben narrata e l'ordine cronologico degli eventi è ben descritto. Personaggi, luoghi e dettagli ambientali sono ben studiati e riportarti molto dettagliatamente. Dalla narrazione si sente quali sono i personaggi "buoni" e quali "cattivi" , come se l'autrice avesse voluto dare una vera esistenza ad ogniuno di essi...

  • User Icon

    La mia opinione su questo libro si può riassumere con questa frase di Amleto, in cui mi sono imbattuta durante la lettura: "Niente è buono o cattivo se non è tale nel nostro pensiero." Questo non è un libro semplice, come apparentemente può sembrare. Racchiude in sé, infatti, un messaggio più profondo: la vita non è come la vuoi tu, ma come scegli che sia. Esme vorrebbe finire gli studi all'università, e diventare magari professoressa universitaria, ma si imbatte nella scelta tra avere un bambino o meno, e lei sceglie, e sono le scelte che fa che spingeranno la sua vita verso una via o l'altra. Questo non è un testo che ha propriamente un finale lieto, ma c'è la descrizione di una vita nella sua complessità. Quello che questo libro ti trasmette è la comprensione di quanto le nostre scelte formino la nostra vita.

Vedi tutte le 24 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione