Categorie

Giancarlo Stampalia

Editore: Marsilio
Anno edizione: 1997
Pagine: 284 p.
  • EAN: 9788831766586
STAMPALIA, GIANCARLO, Strehler dirige

RONCONI, LUIGI, Lezioni per l'attore di teatro
scheda di Vindrola, A., L'Indice 1997, n. 8

Due volumi che, sebbene con finalità diverse, presentano delle concordanze significative. Quello di Giancarlo Stampalia vuole dare conto di come viene allestito uno spettacolo di Strehler, quello curato da Franco Prono racconta invece il funzionamento della Scuola di teatro dello Stabile di Torino nel primo biennio della sua fondazione, dal 1991 al 1993, sotto la direzione di Luca Ronconi. Quali le somiglianze? Sono entrambi, prima di tutto, un discorso sul metodo - sulla negazione del metodo, sulla somma di metodologie - dei più importanti registi italiani contemporanei. Tutti e due aspirano a darci una visione del teatro nel suo farsi, dalla formazione dell'individuo a quella dello spettacolo, in un corrispettivo verbale di quell'insieme di elementi e azioni che costituiscono la messinscena. Infine entrambi scelgono come sistema di documentazione l'intervista, la testimonianza di chi deve insegnare o dare corpo all'idea del regista, una pluralità di voci che contribuiscono alla sensazione di andare al di là delle quinte e sono anche punto di vista critico. Il saggio di Giancarlo Stampalia reca come sottotitolo "Le fasi di un allestimento e l'impulso musicale nel teatro", poiché mira sì a seguire la preparazione di uno spettacolo di Strehler indagandone il metodo e lasciando ampio spazio alla voce del regista e ad attori, tecnici e artigiani, ma mette in luce in particolare la componente musicale e ritmica che informa la regia del fondatore del Piccolo. Franco Prono apre il volume con un saggio di Luca Ronconi dedicato per l'appunto al metodo, quindi divide il volume, con intenti più didascalici, in due parti: la prima raccoglie le interviste agli insegnanti della scuola e la seconda ripercorre le teorie della recitazione da Rousseau a Strasberg.