La struttura delle rivoluzioni scientifiche

Thomas S. Kuhn

Traduttore: A. Carugo
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 18 marzo 2009
Pagine: 251 p., Brossura
  • EAN: 9788806199005

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Scienze, geografia, ambiente - Argomenti d'interesse generale - Filosofia della scienza

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Questo libro del 1962, l'opera più conosciuta del filosofo americano e uno dei testi teorici più influenti della seconda metà del ventesimo secolo, è divenuto un punto di riferimento stabile per il mondo degli scienziati e dei filosofi della scienza, di cui ha contribuito a rinnovare profondamente vocabolario e orizzonti di riferimento. Nella "Struttura delle rivoluzioni scientifiche", Kuhn sostiene la tesi che la scienza, invece di progredire gradualmente verso la verità, è soggetta a rivoluzioni periodiche, le spiegazioni sono tali all'interno di una struttura, di una vasta rete di interconnessioni, che diventa sempre più sottile, ma che spesso si imbatte in fenomeni che non riesce a spiegare senza trasformare radicalmente se stessa. Esiste una interazione tra struttura concettuale della scienza e realtà, tra realtà sociale e scienza, che si manifesta nel complesso di forze che decidono cosa è problema e cosa è "soluzione" di un problema. Cosa non nuova, ma che Kuhn è stato il primo ad affrontare analiticamente, tenendo fede al detto baconiano con cui si apre questo libro non baconiano: "La verità emerge piuttosto dall'errore che dalla confusione".

€ 18,70

€ 22,00

Risparmi € 3,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Guido Galdini

    09/07/2017 17:24:42

    Evidentemente il precedente recensore ha lievemente confuso l'ordine delle stellette, quindi per equlibrare il suo voto, data la natura del commento, di stellette dovrei darne nove. Il libro è, naturalmente, consigliatissimo: i cinquanta e passa anni dalla sua uscita lo hanno invecchiato come un vino pregiato. La scienza ci appare nella sua nudità, nel suo tentativo di spiegazione mai concluso, anzi inconcludibile. Il collegamento, nell'ultimo capitolo, tra evoluzione della scienza ed evoluzione biologica è perlomeno strepitoso.

  • User Icon

    angelo

    12/09/2014 13:33:05

    Ingredienti: la strada contorta che porta al progresso, la mappa continuamente aggiornata che guida scienziati e ricercatori, un viaggio tra diverse discipline accomunate da principi comuni, le tappe sbagliate della ricerca cancellate dai nuovi rivoluzionari. Consigliato: ai cercatori di nuove rotte scientifiche su terreni oscuri o accidentati, agli esploratori più coraggiosi dell'ostico mondo della filosofia scientifica.

Scrivi una recensione