Categorie

Joseph Pulitzer

Traduttore: S. Garavelli
Collana: Incipit
Anno edizione: 2009
Pagine: 127 p., Brossura
  • EAN: 9788833918761
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it € 5,94

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ANDREA GIOSTRA

    20/09/2013 15.15.38

    Giornalismo o Propaganda? Verità o menzogna? Chi è il giornalista oggi? Era il 7 aprile del 1904 quando il 32° Presidente degli Stati Uniti d'America, Franklin Delano Roosevelt, pronunciò queste parole: "L'uomo che scrive, l'uomo che mese dopo mese, settimana dopo settimana, giorno dopo giorno fornisce il materiale destinato a plasmare il pensiero del nostro popolo è sostanzialmente l'uomo che più di chiunque altro contribuisce a determinare la natura del popolo e il tipo di governo che esso deciderà di darsi." Più di trent'anni dopo, il potente Ministro della Propaganda del Terzo Reich dal 1933 al 1945 e tra i più influenti gerarchi nazisti, Joseph Paul Goebbels, immaginiamo "ispirato" dalle parole di Roosevelt, ideo delle tecniche di propaganda così efficaci e così dirompenti da portare Adolf Hitler al potere in Germania e ad inventarsi il motto "Ripetete una cosa qualsiasi cento, mille, un milione di volte e diventerà verità." Per parlare di vero giornalismo, oggi bisognerebbe tornare alle origini, tornare a Pulitzer rileggendolo o leggendolo per la prima volta. Se non altro perché servirebbe per rispondere a questa domanda: qual è il confine tra "chi fa propaganda", notoriamente finalizzata alla conquista ed al mantenimento del potere utilizzando l'inganno e la menzogna ripetuta all'infinito tanto da farla apparire verità, e il "giornalista" di cui traccia un magnifico profilo Pulitzer alla fine dell'ottocento: "Un giornalista è la vedetta sul ponte di comando della nave dello Stato. Prende nota delle vele di passaggio e di tutte le piccole presenze di qualche interesse che punteggiano l'orizzonte quando c'è bel tempo. Riferisce di naufraghi alla deriva che la nave può trarre in salvo. Scruta attraverso la nebbia e la burrasca per allertare sui pericoli incombenti. Non agisce in base al proprio reddito né ai profitti del proprietario. Resta al suo posto per vigilare sulla sicurezza e il benessere delle persone che confidano in lui."?

Scrivi una recensione